Categorie: News

Mike Pence sarà relatore a un evento omofobo: è polemica

Dopo essere stato accolto praticamente da nessuno in Irlanda e da centinaia di arcobaleni – tra cui quello del primo ministro – in Islanda Mike Pence sarà l’ospite principale di un gruppo anti-gay. Dove? Al Trump Hotel.

LA SERATA

Il vice presidente degli Stati Uniti Mike Pence ha annunciato che sarà l’ospite d’onore nonché principale relatore al gala delle Concerned Women for America (qualcosa che tradotto suona un po’ come “Donne preoccupate per l’America), un noto gruppo di raccolta fondi cristiano, conservatore, ma soprattutto anti gay.
La serata si svolgerà a Washington…al Trump Hotel.

LA PARTECIPAZIONE DI MIKE PENCE

Non è la prima volta che Mike Pence prende parte a eventi che promuovono cause sedicenti cristiane, avendo già partecipato a eventi a favore delle terapie reparative e avendo ammesso di aver avuto problemi nel perdonare sua moglie per aver fatto sesso con un altro prima di sposarlo. Una storia che a quanto pare ben si concilia con quella delle Concerned Women for America. Il loro “Ruby Red and Black Tie Gala” storicamente raccoglie una gran quantità di denari per i politici repubblicani.

DONNE PREOCCUPATE

Concerned Women for America ha una lunga storia di opposizione alle cause della comunità Lgbt+, inclusa la loro lotta al matrimonio egalitario che minerebbe la famiglia tradizionale, quella etero. Il gruppo si oppone anche all’insegnamento delle teorie evoluzionistiche e dell’educazione sessuale, alla sperimentazione sulle staminali e sono a favore delle preghiere riparatorie nelle scuole. Strano ma vero: il gruppo si oppone anche al Equal right amendment e ad altre tutele legali per le donne. Altra particolarità del gruppo delle “donne preoccupate”: le donne hanno un desiderio naturale di diventare madri, quindi è loro dovere procreare.

«NON SI VERGOGNANO»

In un editoriale il Washington Post ha scritto: «Questa partecipazione e il discorso sono la prova che Trump e il suo gabinetto non si vergognano nel partecipare a eventi che portano profitti alle compagnie di Trump. Nonostante ci siano molti elementi che mettono sotto indagine la linea di demarcazione tra la presidenza e i gli interessi commerciali». Evidentemente non si vergognano nemmeno di essere apertamente omofobi.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020