Categorie: News

Gareth Thomas costretto a un secondo coming out: è sieropositivo

Gareth Thomas, ex giocatore gallese di rugby, è stato costretto a uscire allo scoperto come siero positivo. In un documentario della BBC, la televisione pubblica inglese, ha confessato che i tabloid l’hanno minacciato costringendolo a questo coming out.

CHI È GARETH THOMAS

Gareth Thomas si è dichiarato omosessuale pubblicamente nel dicembre 2009. Ex giocatore della nazionale gallese e dei Cardiff Blues, all’epoca era sposato. In occasione del suo coming out ha ammesso di aver avuto pensieri suicidi e di aver nascosto la sua sessualità alla moglie, agli amici, ai compagni di squadra e all’intero mondo del rugby professionistico che spesso viene visto come macho. Ha 45 anni-

IL VIDEO

In un video molto emozionante Gareth dice: «Ciao, il mio nome è Gareth Thomas e voglio condividere con voi il mio segreto. Perché? Perché è compito mio farlo. Non di quelle persone malvagie che stanno rendendo la mia vita un inferno, minacciando di dirlo prima che lo faccia io e perché io credo in voi e mi fido di voi».
Gareth chiude gli occhi, guarda in basso e prende un respiro profondo: «Ho l’hiv. Adesso lo sapete e mi rende vulnerabile, ma non debole».

IL RUOLO DEI TABLOID

«Avevo bisogno di riprendere il controllo della mia vita». Gareth Thomas racconta di essere stato costretto a fare coming out come sieropositivo, ma che ha scelto «Di combattere, di istruire, di combattere lo stigma sull’argomento». I tabloid inglesi, famosi in tutto il mondo per la loro politica senza scrupoli nella pubblicazione delle notizie, vere o meno, hanno a lungo minacciato l’ex campione di rugby di rendere pubblica la notizia della sua sieropositività.

L’APPELLO

Thomas esce allo scoperto e lancia un appello: «Vi chiedo di aiutarmi a mostrare che tutti vivono nella paura di vedere la reazione delle persone e le loro opinioni su di sé. MA questo non vuol dire che dobbiamo nasconderci. Per fare questo, però, ho davvero bisogno del vostro supporto».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020