Categorie: News

Gareth Thomas costretto a un secondo coming out: è sieropositivo

Gareth Thomas, ex giocatore gallese di rugby, è stato costretto a uscire allo scoperto come siero positivo. In un documentario della BBC, la televisione pubblica inglese, ha confessato che i tabloid l’hanno minacciato costringendolo a questo coming out.

CHI È GARETH THOMAS

Gareth Thomas si è dichiarato omosessuale pubblicamente nel dicembre 2009. Ex giocatore della nazionale gallese e dei Cardiff Blues, all’epoca era sposato. In occasione del suo coming out ha ammesso di aver avuto pensieri suicidi e di aver nascosto la sua sessualità alla moglie, agli amici, ai compagni di squadra e all’intero mondo del rugby professionistico che spesso viene visto come macho. Ha 45 anni-

IL VIDEO

In un video molto emozionante Gareth dice: «Ciao, il mio nome è Gareth Thomas e voglio condividere con voi il mio segreto. Perché? Perché è compito mio farlo. Non di quelle persone malvagie che stanno rendendo la mia vita un inferno, minacciando di dirlo prima che lo faccia io e perché io credo in voi e mi fido di voi».
Gareth chiude gli occhi, guarda in basso e prende un respiro profondo: «Ho l’hiv. Adesso lo sapete e mi rende vulnerabile, ma non debole».

IL RUOLO DEI TABLOID

«Avevo bisogno di riprendere il controllo della mia vita». Gareth Thomas racconta di essere stato costretto a fare coming out come sieropositivo, ma che ha scelto «Di combattere, di istruire, di combattere lo stigma sull’argomento». I tabloid inglesi, famosi in tutto il mondo per la loro politica senza scrupoli nella pubblicazione delle notizie, vere o meno, hanno a lungo minacciato l’ex campione di rugby di rendere pubblica la notizia della sua sieropositività.

L’APPELLO

Thomas esce allo scoperto e lancia un appello: «Vi chiedo di aiutarmi a mostrare che tutti vivono nella paura di vedere la reazione delle persone e le loro opinioni su di sé. MA questo non vuol dire che dobbiamo nasconderci. Per fare questo, però, ho davvero bisogno del vostro supporto».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020