Picierno (Pd) “Scriverò al Presidente del Parlamento Ue per salvare la vita a Mehdi”

“Farò un interrogazione parlamentare e scriverò subito anche al Presidente del Parlamento Ue perché si mobiliti”, con queste parole l’eurodeputata Pd Pina Picierno interviene sul caso di Mehdi Shokr Khoda, il giovane iraniano di 19 anni in pericolo di vita dopo essersi visto negare la richiesta di asilo in Svezia, come raccontato ieri in esclusiva su Gaypost.

La storia di Mehdi

Mehdi, gay e cristiano, ha raccontato di essere scappato dal proprio paese due anni fa, in mano un biglietto di sola andata per la Svezia. Proprio nel paese scandinavo ha fatto richiesta di asilo politico senza successo e ora rischia di dover tornare indietro: una condanna a morte

La richiesta di asilo respinta per due volte

“Abbiamo ricevuto due risposte negative” ha spiegato Mehdi. “Al primo colloquio ho detto di essere cristiano ma non di essere gay”. Una scelta dettata dalla paura, quella che l’avvocato fornitogli dall’Ufficio Immigrazione, ne parlasse con sua sorella maggiore. Solo dopo, confidandosi con il legale, questo lo ha tranquillizzato suggerendogli di raccontare tutto all’Immigrazione in quanto avrebbe potuto aiutare il suo caso.

Nel secondo colloquio con l’immigrazione Mehdi ha parlato apertamente del proprio orientamento sessuale. Eppure, nemmeno questo è bastato e, nel dicembre 2018, la domanda è stata respinta.

Insieme per Mehdi

Oltre al repentino intervento dell’eurodeputata Pina Picierno anche All Out sta valutando possibili azioni a supporto del giovane iraniano.

Leggi la storia di Mehdi qui

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020