Categorie: News

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È la storia di Louise e Soléne, le due quattordicenni di Vence, vicino Nizza, che pur di stare insieme sono scappate in Calabria.

FUGA D’AMORE

Le due quattordicenni erano stanche di essere osteggiate dai genitori i quali della loro storia non volevano saperne niente. E allora, come in un romanzo, le due giovani hanno deciso di scappare. Da Nizza a Bianchi, Calabria: 1200 km. Hanno rubato l’auto della nonna e si sono messe in viaggio, letteralmente dalle Alpi alla Sila, attraversando tutta l’Italia e sostando qualche giorno a Roma.
Infine l’arrivo a Bianchi, paese di poche anime abbarbicato sui monti della Sila, in Calabria.

L’ARRIVO A BIANCHI

In un paese così piccolo è impossibile non notare due facce nuove in giro, soprattutto se girano con un’auto con la targa straniera. Così i carabinieri le hanno avvicinate e le hanno trovate addormentate e infreddolite sui sedili posteriori dell’auto. Abbracciate a un gattino.
«Inizialmente pensavano si trattasse di due turiste di passaggio e si sono avvicinati per chiedere se avessero avuto problemi. Le ragazze parlavano solo francese, hanno fatto capire che era tutto a posto, ma le loro spiegazioni non li hanno convinti» dice il sindaco, Pasquale Taverna a Repubblica.

Nemmeno qualche ora dopo le due sono state viste in giro per il piccolo borgo, con il loro gattino in braccio, visibilmente affamate e spaesate: «Hanno provato a chiedere loro qualche dettaglio ulteriore, ma nessuno dei carabinieri in servizio qui parla francese e le ragazze non conoscono che qualche parola di italiano», ha aggiunto il sindaco. Ai carabinieri erano riuscite a far capire di essere “sans papier”, senza documenti.

IL RACCONTO

Quando finLa moglie del sindaco, che parla francese, è stata così chiamata a fare da interprete quando i militari hanno accompagnato le due giovani alla stazione. Le due ragazze hanno iniziato a parlare alla donna, mentre mangiavano il primo pasto caldo da giorni, e hanno raccontato della loro fuga. Ma non subito: prima hanno provato a raccontare di essere solo turiste che avevano sbagliato strada.
Quando finalmente hanno preso confidenza hanno iniziato a raccontare del loro viaggio, di come fosse loro intenzione arrivare in Sicilia e cercare di vivere con quei pochi soldi che si erano portate con sé. La Salerno-Reggio Calabria però, le ha confuse e sono finite a Bianchi.

IL SINDACO LE HA OSPITATE A CASA

Il sindaco ha poi convinto le due giovani a contattare i genitori: «È stata mia moglie a parlare con le famiglie e spiegare loro la situazione, dopo ci hanno parlato le ragazze. E loro sono partiti subito». Louise e Solène hanno trovato un tetto proprio a casa del primo cittadino che ha detto: «Non le potevamo certo lasciare a dormire in macchina o in caserma, poi almeno con mia moglie riuscivano a parlare. Hanno portato anche il gattino e per prima cosa mi hanno chiesto se ci fosse da mangiare anche per lui. Sembrano più adulte dei loro 14 anni, ma sono delle ragazzine sensibili».

L’ARRIVO DEI GENITORI

I genitori delle ragazze sono arrivate a Bianchi dopo un viaggio in auto durato tutta la notte e poi sono stati abbracci, pianti e scuse.
La vicenda per ora si è conclusa con la foto ricordo che le giovani hanno scattato insieme alle famiglie, ai carabinieri e alla famiglia del sindaco.
Sperando che questa fuga faccia cambiare idea ai genitori sulla loro storia d’amore.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020