Categorie: News

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le elezioni britanniche. Il partito di Boris Johnson ha già superato i 326 seggi necessari per dichiarare vittoria e dovrebbe arrivare ad averne in totale 365: il risultato più alto dai tempi di Margaret Tatcher.
Boris Johnson sarà dunque confermato Primo ministro. Cosa comporterà questa elezione per le persone Lgbt+?

CON JOHNSON TEMPI BUI IN ARRIVO

Dati i numeri è facile ipotizzare che BoJo rimarrà in carica per tutti e cinque gli anni previsti dal mandato. E saranno cinque anni durante i quali per la comunità Lgbt+ e per i suoi diritti non saranno certo rose e fiori.
Nel programma politico dei Conservatori la parola “queer” è menzionata tre volte. Il governo di Johnson continuerà ad «Aiutare gli insegnanti a contrastare il bullismo omofonico», continuerà a perseguire i crimini d’odio e formerà una “conferenza Lgbt+” internazionale.
In una intervista con la rivista inglese PinkNews BoJo ha confermato che i Tories resteranno «Fedeli all’Action Plan Lgbt+ che prevedere la fine delle terapie riparative».
Anche il Gender Recognition Act dovrebbe essere annunciato durante questo nuovo mandato: per ora era stato ritardato proprio dai ministri Tory.

PARLAMENTARI ALLEATI?

Come detto i Conservatori hanno ottenuto una larga maggioranza. Tra gli eletti purtroppo si registrano alcuni esponenti decisamente anti-Lgt+: tipo Sally-Ann Hart eletta a Hastings. La politica di destra è stata eletta nonostante stesse affrontando una investigazione interna del partito dopo essere stata accusata di antisemitismo, islamofobia e transfobia.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020