Categorie: News

Napoli, donna trans picchiata e buttata in un tombino

Una donna trans è stata picchiata e rinchiusa in un tombino, a Napoli. Un’aggressione transfobica di una violenza inaudita che si è consumata ieri nel capoluogo campano.

DINAMICA ANCORA DA CHIARIRE

Le cause e le dinamiche dell’aggressione alla donna trans sono ancora da chiarire: la vittima, ricoverata al Cardarelli, è ancora in stato di choc.
Sono state alcune guardie giurate ad accorgersi dei lamenti provenienti da un tombino nell’isola pedonale del Centro Direzionale di Napoli. Scoperchiandolo hanno trovato la donna, in stato di choc, tumefatta e sanguinante.
Hanno subito allertato il 118 che è arrivato subito sul posto.

LA PROGNOSI

Sebbene come detto le dinamiche non siano ancora chiare per le guardie giurate che l’hanno trovata e per i sanitari del 118 non ci sono dubbi: la donna è stata vittima di una aggressione piuttosto violenta.
Al momento la suo prognosi è riservata, ma la diagnosi è di setto nasale rotto e contusioni su tutto il corpo.
L’ospedale Cardarelli di Napoli sta attualmente valutando l’attivazione dello sportello antiviolenza Dafne.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020