Categorie: News

La Nuova Ira ammette: “Abbiamo ucciso noi Lyra Mckee. Scusate”

Il gruppo terroristico dissidente repubblicano Nuova IRA ha ammesso le proprie responsabilità nell’uccisione della giornalista nord irlandese Lyra McKee durante gli scontri a Londonderry e lo ha fatto con una dichiarazione al “The Irish News”.

Le scuse

La Nuova IRA “porge le più sincere scuse alla partner, alla famiglia e agli amici di Lyra McKee per la sua morte”, si legge nella nota pubblicata dal giornale che spiega come il gruppo abbia usato un codice di riconoscimento a conferma dell’autenticità della rivendicazione.
McKee, 29 anni, è stata colpita alla testa nella notte fra giovedì e venerdì durante gli scontri fra repubblicani e polizia nel quartiere di Creggan.

Le giustificazioni

Mentre ammette la propria responsabilità, la Nuova IRA tenta di giustificare le sue azioni sostenendo che è stata uccisa durante un attacco a “forze nemiche” e ha accusato la polizia di provocare la rivolta che ha preceduto la sua morte. “Nel corso dell’attacco al nemico, Lyra McKee è stata tragicamente uccisa mentre era in piedi accanto alle forze nemiche”, si legge nella dichiarazione. “Giovedì sera, a seguito di un’incursione a Creggan da parte di forze britanniche pesantemente armate che hanno provocato disordini, l’IRA ha schierato i nostri volontari”, ha affermato la nuova dichiarazione dell’IRA, secondo The Irish News.

La nota dei sei partiti politici

Sull’onda dell’uccisione di McKee, i sei principali partiti politici dell’Irlanda del Nord – tra cui i rivali unionisti e repubblicani che non sono stati in grado di formare un governo decentrato per più di due anni – hanno rilasciato una dichiarazione congiunta rara. “E’ stato un atto inutile e inutile distruggere i progressi compiuti negli ultimi 20 anni, che ha il sostegno incontrastato della gente di tutto il mondo”, si legge.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020