Categorie: News

“Istigazione alla violenza sessuale”: Gay Lex denuncia il vicesindaco di Roverè

“Se non puoi sedurla, puoi sedarla”. Con una maglietta che riporta questa scritta, Loris Corradi, vicesindaco di Roverè Veronese, è salito sul palco di una manifestazione pubblica, lo scorso 18 agosto. L’occasione era la festa di Santa Viola, ad Azzago di Grezzana Veronese.

Le polemiche

La maglietta ha provocato moltissime polemiche, specialmente sui sociale, per il messaggio che lancia in un paese in cui le violenze sulle donne sono cronaca quotidiana. Un invito, quello mostrato da Corradi, a ignorare la volontà delle donne e a costringerle, perfino con l’uso di sostanze chimiche, a rapporti sessuali non consenzienti. In altre parole, alla violenza sessuale.

L’esposto di Gay Lex

Ma la cosa non è passata inosservata neanche agli avvocati di Gay Lex che oggi hanno presentato un esposto contro il rappresentante di Fratelli d’Italia. L’ipotesi di reato è “istigazione alla violenza sessuale”.

“Una frase gravissima, che offende non solo le donne ma tutti i cittadini e soprattutto le tante vittime di stupro che certamente non avranno niente da ridere leggendo quella scritta” si legge in una nota di Gay Lex.

Il testo dell’esposto

“I dati Istat pubblicati il 13 febbraio 2018 sulla violenza e le molestie sessuali indicano che in Italia 8 milioni 816mila (43.6%) donne fra i 14 e i 65 anni hanno subito una qualche molestia sessuale – scrivono i legali nell’esposto -(…). Considerato anche il ruolo istituzionale che ricopre il sig. Loris Corradi (…), considerato che la sopracitata maglietta sembra indicare, con mal riuscito ricorso all’ironia, la pratica della sedazione ai fini della violenza sessuale chiediamo che la Procura della Repubblica voglia disporre gli opportuni accertamenti (…) valutando in particolare eventuali fini di istigazione a delinquere e in particolare di istigazione al delitto di violenza sessuale”.

Non può essere goliardia

“Come Avvocati e Attivisti che si battono per l’eguaglianza e per un Paese in cui veicolare messaggi che istigano alla violenza non sia considerata goliardia, bensì pericolo concreto per le vite altrui – prosegue la nota di Gay Lex -, abbiamo deciso di presentare un esposto alla magistratura”.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020