Categorie: News

Iniziano oggi i Mondiali di calcio in Russia e parte la campagna #supportallcolours

Iniziano oggi i mondiali di calcio, a cui l’Italia non si è classificata, e che si giocheranno in Russia. Un paese non certo noto per il rispetto dei diritti civili e umani. E infatti in molti hanno invocato il boicottaggio dell’evento, per dare un segnale forte al governo di Putin.

Laccetti arcobaleno contro l’omofobia

L’Intergruppo LGBT al Parlamento europeo ha deciso di non rimanere in silenzio proprio per via della situazione politica russa. Come? Mandando a tutte le squadre che giocheranno dei lacci con i colori dell’arcobaleno da fare indossare ai propri giocatori. E’ la campagna #supportallcolours.
“Sotto la guida di Putin, la Russia ha subito un contraccolpo: la democrazia e la
trasparenza, la libertà di stampa e di espressione, i diritti umani e i diritti delle minoranze sono sotto attacco – ricorda sul suo sito l’eurodeputato Daniele Viotti, copresidente dell’Intergruppo LGBT -. La comunità LGBTI* russa è soggetta a discriminazioni e persecuzioni”.

La legge contro “la propaganda”

Viotti ricorda i nefasti effetti della legge “contro la propaganda gay” che impedisce qualsiasi forma di informazione ed educazione non solo dei più giovani, ma anche delle persone adulte. Di fatto, la legge impedisce anche le manifestazioni e ogni possibilità di dibattito e confronto sui temi dei diritti delle persone LGBT.
“Per questo – spiega Viotti – abbiamo lanciato la campagna #supportallcolours e abbiamo spedito a tutte le nazionali che parteciperanno ai Mondiali di Calcio di Russia 2018 dei laccetti arcobaleno da indossare durante gli allenamenti e le partite”.
Inoltre, i laccetti saranno distribuiti durante i Pride di Torino e Alba “così che anche i tifosi di calcio possano indossarli guardando le partite”, conclude Viotti.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020