Categorie: News

Il Parlamento Europeo contro il Brunei: “Fermate la Sharia o confisca dei beni”

La plenaria del Parlamento europeo ha adottato tre risoluzioni in cui si deplorano le violazioni dei diritti umani e tutte le forme di repressione politica in Brunei, in Cina e in Camerun.

“Revocare immediatamente la Sharia”

In particolare hanno condannato fermamente l’entrata in vigore del codice penale della Sharia nel sultanato nel Sud-est asiatico che introduce la pena di morte per lapidazione per atti omosessuali consensuali, sesso extraconiugale e aborto, oltre all’amputazione per furto, sia per gli adulti che per i bambini. L’aula di Strasburgo ha espresso preoccupazione per il fatto che mentre molti paesi stanno depenalizzando gli atti consensuali fra persone dello stesso sesso, il Brunei è diventato il settimo paese a punirli. I deputati hanno sollecitato le autorità del Brunei a revocare immediatamente il codice penale della sharia e ad attenersi al diritto e agli standard internazionali.

Congelamento dei beni per il Sultano

Nella risoluzione, inoltre, hanno chiesto al Servizio europeo per l’azione esterna di prendere in considerazione l’adozione di misure a livello Ue per punire le violazioni dei diritti umani, come il congelamento dei beni e il divieto dei visti. La risoluzione sul Brunei è stata adottata per alzata di mano.

Diritti umani in Cina

Riguardo alla Cina il Pe ha chiesto di fermare le detenzioni arbitrarie di minoranze religiose ed etniche, in particolare degli uiguri, kazakhi, tibetani e cristiani. La risoluzione sulla Cina è stata adottata con 505 voti favorevoli, 18 contrari e 47 astensioni.

Camerun

Infine sul Camerun il Parlamento europeo ha chiesto alle autorità del Paese africano di porre fine all’uso della forza contro l’opposizione politica, esortando inoltre il governo di Yaoundé ad avviare una revisione consensuale del sistema elettorale del paese, allo scopo di garantire un processo elettorale trasparente e credibile.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020