Categorie: News

Queste società a giugno sostengono i Pride, nel resto dell’anno finanziano gli omofobi

Una lettera firmata da un gruppo di 30 difensori LGBTI e indirizzata a dozzine di aziende tecnologiche, con una richiesta: smetterla di finanziare i politici anti-LGBTI. Queste società includono Google, Microsoft, AT & T, Dell, T-Mobile e Amazon.

Cinque milioni agli omofobi

Secondo Buzzfeed News il gruppo Zero per Zeros ha analizzato i dati dei contributi versati tra il 2010 e il 2019 dalle aziende alle forze politiche con il punteggio più alto nell’indice Corporate Equality Index (CEI).Corporate Equality calcolato da Human Rights Campaign (HRC).
Ha rilevato che 49 aziende hanno dato un totale di 5.837.331 dollari [pari a 5.171.495,84 di euro] ai membri del Congresso che (secondo una valutazione dell’HRC) hanno dimostrato sensibilità zero verso i diritti Lgbti+. Tra gli esempi più eclatanti troviamo il nome di Ted Cruz che lo scorso hanno ha ha introdotto una legislazione che renderebbe legale per le aziende e le organizzazioni non profit discriminare le coppie dello stesso sesso.

Una mossa che va contro le politically aziendali

“Queste società creano ambienti accoglienti e sicuri per i dipendenti LGBTQ e il loro mercato per i clienti LGBTQ”, ha dichiarato a Buzzfeed Lane Hudson, responsabile della campagna per Zero for Zeros “Ma contemporaneamente finanziano i membri del Congresso che faranno dell’America un posto insicuro per tutti noi. E vogliamo che riconcilino i loro valori con quelli aziendali”.

Google per Mike Lee

Tra queste c’è Google che ha donato un totale di $ 178.500 [€ 158.139,40] ai politici anti-LGBTI. Di questi $ 10.000 [€ 8,859.35] sono andati al senatore repubblicano dello Utah, Mike Lee, che nel 2014, Lee ha rilasciato dichiarazioni in difesa della libertà religiosa di offendere le persone Lgbti+.

Gli altri

E ancora Amazon, AT&T, Microsoft e Dell. Per loro sono stati calcolati $ 15.000 [€ 13,289,02] versati al rappresentante del Texas, Brian Babin. Il repubblicano che aveva definito la politica di Obama sui bagni neutrali rispetto al genere “sbagliati” e “fuorviati”.
“Il governo federale non dovrebbe essere intenzionato a buttare fuori dalla finestra il buon senso e la decenza e costringere le scuole locali a permettere a un adolescente che” si identifica “come una ragazza di condividere spogliatoi e bagni per cinque anni con altre ragazze “, disse.
“Per oltre quattro decenni ci siamo impegnati nella comunità LGBTQ + e abbiamo aperto la strada adottando politiche sul posto di lavoro che vietano le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”, ha risposto AT&aT alle accuse di BuzzFeed, affermando: “Supportiamo i candidati che possono avere un impatto sulla nostra attività, sui nostri dipendenti e sui nostri clienti. Ciò non significa che appoggiamo le loro opinioni su ogni questione “.

Silenzio Stampa

In silenzio rimangono aziende come Amazon, Dell, Google, Microsoft e T-Mobile, trincerati dietro un no-comment
“Non stiamo chiedendo la luna,” disse Hudson. “Stiamo solo chiedendo loro di non dare soldi ai membri più anti-gay del Congresso. Queste aziende stanno dando soldi ai politici che annullerebbero tutti i progressi che hanno sostenuto. Non ha senso”.
Moltissime di queste aziende hanno inoltre partecipato ai Pride di quest’anno con product placement che molti all’interno del movimento hanno definito, senza troppi giri di parole, “pink washing” o “capitalismo arcobaleno”. Mentre coloravano di arcobaleno i loro loghi e distribuivano gadget durante le parate, finanziavano omofobi e conservatori. Un’inchiesta, questa, che è destinata a far discutere e ad aprire una nuova riflessione nella prossima stagione Pride.

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020