Categorie: News

La Spezia, il Tribunale stoppa la Procura: “Non può ricorrere contro i bimbi arcobaleno”

No, la Procura non ha titolo a impugnare le iscrizioni all’anagrafe dei bimbi con due papà o due mamme. Lo ha stabilito il Tribunale di La Spezia che ha dovuto esaminare il caso di un bimbo che era stato iscritto all’anagrafe di Sarzana con entrambi i suoi padri. Non parliamo della trascrizione dell’atto di nascita straniero, ma di un riconoscimento tardivo. Il bimbo era, cioè, iscritto all’anagrafe con un solo papà mentre il secondo aveva fatto, e ottenuto, richiesta di riconoscimento successivo.
La decisione del Tribunale ratifica, di fatto, l’iscrizione del bimbo con tutti e due i suoi genitori.

La vicenda

I fatti risalgono a giugno dello scorso anno quando il sindaco di Sarzana Alessio Cavarra aveva riconosciuto il secondo padre del piccolo. “Uguaglianza nel rispetto di tutti: è questo il tratto distintivo di Sarzana, della sua storia, del suo presente e del suo futuro” aveva commentato Cavarra.
Poi la Procura aveva fatto ricorso al Tribunale chiedendo la cancellazione dell’atto sostenendo che nessuna legge lo rendeva praticabile.
A distanza di un anno, qualche giorno fa, il Tribunale ha preso la sua decisione: la Procura non ha titolo a ricorrere o a impugnare l’atto di nascita che, quindi, rimane invariato.

“Basta ricorsi incontrollati”

Secondo il legale della famiglia, l’Avv. Michele Giarratano (che ha seguito il caso supportato dal Prof. Angelo Schillaci) “pur se non entra nel merito della questione si tratta comunque di una decisione molto importante, perché dichiarando inammissibile il ricorso da un punto di vista formale e procedurale segna una battuta d’arresto ai ricorsi incontrollati delle Procure avverso i riconoscimenti delle famiglie omogenitoriali fatti dai Sindaci”.
“E’ comunque un risultato importante per la coppia – conclude Giarratano -, che esprime grande soddisfazione per la decisione del Tribunale di La Spezia, e soprattutto per il minore che in questo modo non si vede sottratta una figura genitoriale”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020