Categorie: News

“Promuove il gender”: Bolsonaro fa chiudere un canale educativo in Brasile

Totalmente di sinistra e promotrice dell’ideologia “gender”. Queste le accuse rivolte ad un’emittente brasiliana dal presidente Jair Bolsonaro, che ha così deciso di interrompere i finanziamenti verso la televisione, perché – a sentire il capo di stato di destra radicale – fortemente schierata ideologicamente.

“Tv di sinistra che promuove il gender: spazzatura”

Il logo dell’emittente

L’emittente in questione si chiama  ed è un canale educativo nazionale. Ma le parole del presidente sono state durissime, contro la programmazione televisiva: «È diseducativa, aveva una programmazione totalmente di sinistra, ispirata all’ideologia di genere». Bolsonaro ha ritenuto inconcepibile che si destinassero «soldi pubblici per l’ideologia di genere», affermando in conferenza stampa che «questo deve cambiare». E così è stata revocata la convenzione con il ministero dell’Istruzione, che garantiva 350 milioni di real l’anno. «Chi guarda Tv Escola?» ha poi chiesto il presidente, sempre di fronte ai giornalisti. «Nessuno» ha risposto, affermando che si trattava di «denaro gettato nella spazzatura».

I precedenti tentativi di censura

Non è la prima volta che la scure di Bolsonaro si abbatte su obiettivi ritenuti contrari alla sua ideologia. Già tempo fa aveva chiuso un corso di ingresso dell’Università di integrazione afro-brasiliana (Unilab) che aveva contenuti specifici per studenti e persone transgender, non binary e non conforming. Adesso, con la scusa del “gender”, la sua attenzione si rivolge ai media. Per lo stato sudamericano è ancora lunga la notte della democrazia che si è abbattuta sul paese, dopo le scorse elezioni presidenziali.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020