Categorie: News

«Gay» usato per insultare Gramsci: la scritta sul murale di Turi

La parola “gay”, vergata con la vernice rossa, come se fosse un’offesa, impressa sulla fronte di Antonio Gramsci. O meglio, sulla fronte del murales che lo ritrae a piazza Turi, Bari. Un atto che denuncia due fatti: la mancanza di rispetto per un personaggio storico di primo piano del ‘900 e l’omofobia di chi pensa che “gay” possa essere un insulto.

UN’OFFESA SOLO PER CHI L’HA SCRITTA

A denunciare la comparsa della parola gay sul murales di Antonio Gramsci è stato Retake Bari, il movimento cittadino che, sull’onda del movimento retake nato a Roma e diffusosi in altre città d’Italia, si batte per il decoro urbano e per la pulizia della città.

«Gli amici di Turi ci segnalano l’ennesimo atto vandalico – scrivono gli attivisti di Retake sulla loro bacheca Facebook -. Siamo in largo Pozzi e tutto ciò non ha bisogno di ulteriori commenti. Siamo disponibili ad aiutarvi. Chiunque voglia e possa aiutarci è benvenuto. Ci auguriamo che da qui possa nascere Retake Turi, difendiamo questa città stupenda e la sua storia».

Antonio Gramsci fu rinchiuso proprio nella prigione di Turi dal 1926 al 1934, durante il regime fascista. Proprio per questo, nonostante la parola in sé rappresenti un insulto solo per poche persone, l’atto resta grave.

Condividi

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020