Categorie: News

Gambiano ottiene lo status di rifugiato perché gay

Quando è arrivato in Italia dal Gambia, tre anni fa, aveva subito chiesto l’asilo politico perché omosessuale. In Gambia l’omosessualità è considerata “contro l’ordine della natura” ed è punita col carcere fino a 14 anni. Ora la Corte d’appello di Trieste gli ha riconosciuto lo status di rifugiato.
Il ragazzo, che ha appena 23 anni, ha raccontato di avere avuto rapporti con un collega e vicino di casa che poi è stato arrestato. Questo ha messo in pericolo anche lui perché l’uomo aveva fatto il suo nome alla polizia.

La fuga e l’arrivo in Italia

Per questo è scappato dal Gambia affrontando un lungo viaggio attraverso il Senegal e poi la Libia. In Libia ha conosciuto il figlio del suo datore di lavoro. “Ma il padre era contrario a questa frequentazione, perché aveva sentito dire che ero omosessuale e non voleva che influenzassi il ragazzo. Così – racconta il giovane secondo quanto riporta la stampa friulana – mi ha cacciato senza paga, affidandomi a un trafficante suo amico perché mi portasse in Italia via nave”.

Non importa il vero orientamento

In Italia, però, la sua richiesta era stata respinta dalla commissione di Gorizia prima e dal Tribunale di Trieste che non avevano ritenuto veritieri i suoi racconti. Il ragazzo, infatti, era stato accusato di mentire sul proprio orientamento sessuale al solo scopo di ottenere lo status. Ora la Corte d’Appello ha ribaltato la decisione. Secondo i giudici d’Appello, infatti, a prescindere da quale sia il reale orientamento sessuale del ragazzo, la sua vita è in pericolo per il solo fatto che gli altri lo credano omosessuale.
Ad esempio, proprio in Gambia, nel 2015 partì una vera e propria caccia ai gay durante la quale alcune testate locali pubblicarono le foto e i nomi dei presunti omosessuali da arrestare. Questo causò diverse “spedizioni punitive” con aggressioni, pestaggi e violenze ai danni di uomini e donne ritenuti gay o lesbiche.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020