Categorie: Rainbow

Famiglie arcobaleno sotto attacco, ecco la priorità di Salvini

Quando ieri mattina mi sono svegliato, ho trovato decine di sms e messaggi su whatsapp: erano tutti clienti, coppie di mamme o coppie di papà, spaventati per quello che si era appena saputo: il ministro dell’interno Salvini, infatti, mercoledì ha emanato un decreto ministeriale che modifica la modulistica delle carte d’identità elettroniche togliendo la più inclusiva indicazione di “genitori” e inserendo nuovamente “padre” e “madre” e richiedendo altresì che per la carta di identità per l’espatrio ci sia la richiesta congiunta di “padre e madre”.

Le paure dei papà e delle mamme Lgbt

Le giornate fra ieri e oggi sono continuate così: fra messaggi, telefonate, mail. C’era chi mi chiedeva come tutelarsi preventivamente, e chi addirittura aveva paura di dover restituire la carta di identità di suo figlio in cui sono segnate due mamme. E probabilmente per me la frenesia di queste ultime 30 ore è stata utile, terapeutica: calato nel ruolo del professionista intento a spiegare e rassicurare i propri clienti per un attimo ho potuto dimenticarmi di essere anche genitore di minori che vivono in una famiglia che il ministro dell’interno sta facendo di tutto per non riconoscere, ostacolare, privare perfino di diritti sacrosanti.

Colpi feroci, crudeli e inumani

Le famiglie arcobaleno sono sotto attacco, lo dico ormai da mesi e stavolta dopo i proclami si iniziano ad affondare colpi feroci, crudeli, inumani. Non starò qui a dilungarmi sulle azioni che verranno messe in campo, politiche e ovviamente giuridiche innanzitutto, come i ricorsi al Tar annunziati da Famiglie Arcobaleno e da Gay Lex, tanto più che come già ampiamente dettagliato questo provvedimento appare già a prima vista assolutamente illegittimo, tanto da aver ricevuto lo scorso ottobre il parere negativo del Garante sulla privacy.

Le priorità del ministro

È venerdì sera e dunque dovrei aver smesso gli abiti di avvocato, anche se – ironia della sorte – non sarà così perché questo settimana c’è l’assemblea nazionale di Famiglie Arcobaleno e giustamente saranno in tante e tanti a farmi domande, cercare rassicurazioni. Per un attimo invece voglio solo condividere con voi la mia paura di genitore, il mio senso di frustrazione, le emozioni profonde che mi assalgono. Scrivere madre e padre su un modulo. Cancellare alcune famiglie. Respingerne altre chiudendo i porti. Lasciarle annegare in mare. Queste sono le priorità del nostro ministro degli Interni. E prendono piede velocemente, si diffondono come l’erba infestante. Si arriva perfino a calpestare dei panini pur di non darli a qualcun altro che sta se non peggio di noi almeno tanto peggio quanto noi.

Vale la pena di combattere, per i nostri figli

Io intanto guardo le vecchie foto di Luca e Alice e mi rendo conto che stanno crescendo velocemente. Ed ho paura che il mondo che consegnerò nelle loro mani sarà pieno di odio. Poi per fortuna la paura in un attimo passa, perché non voglio perdere la speranza: comunque vada so che vale la pena di combattere, basta farlo dalla parte giusta della storia.

Condividi

Articoli recenti

La più giovane premier finlandese, figlia di una donna lesbica che l’ha cresciuta con la compagna

Per la Finlandia e per il mondo l’otto dicembre rimarrà una data storica: l’elezione di Sanna Marin a prima ministra…

9 dicembre 2019

Quando Boris Johnson esaltava Pinochet e già attaccava i gay

Lo spettro di un articolo scritto per The Spectator quando Boris Johnson, il premier britannico aveva trent’anni, aleggia sulla sua…

9 dicembre 2019

«Sono repubblicana da una vita». Donna trans licenziata dal posto di lavoro

I pregiudizi colpiscono chiunque, anche chi si descrive «repubblicana da una vita». E così, Erin Dotten, proveniente dalla Florida, si…

9 dicembre 2019

Venture: come sconfiggere le fake news e l’omofobia con un gioco di carte

Si chiama Venture ed è un gioco di carte che si prefigge di sconfiggere le fake news. Ed ha deciso…

9 dicembre 2019

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019