Categorie: News

Europa vietata al predicatore americano che vuole lapidare i gay

Il predicatore omofobo Steven Anderson non potrà entrare in buona parte dei paesi europei per via della sua attività anti-gay. Lo riporta PinkNews che cita fonti ufficiali dell’Olanda. Secondo quanto riporta il sito inglese, il ministro della Sicurezza olandese Mark Harbers ha confermato di avere intrapreso l’iter per impedire l’ingresso di Anderson nel suo paese che era previsto per il 23 maggio nell’ambito di un tour in tutta Europa.

Le dichiarazioni del ministro

In una dichiarazione resa al Parlamento olandese lo scorso 1 maggio, Harbers spiega che ha “preso misure per evitare che la persona in oggetto entri nell’area Schengen”. “Non c’è posto in uno stato democratico come i nostri per la discriminazione, l’incitamento all’odio o all’intolleranza e alla violenza in nessun campo – ha dichiarato il ministro -. Le libertà civili non sono un lascia passare per comportamenti intolleranti che limitano le libertà degli altri”.

Anderson e la lapidazione per i gay

Anderson è noto per i suoi discorsi in cui avalla la lapidazione dei gay. “Se un uomo giace con un altro uomo come con una donna entrambi commettono abominio: devono certamente essere messi a morte – ha dichiarato -. Il loro sangue ricadrà su di loro. Questo, amici miei, è la cura contro l’AIDS. Era già tutto nella Bibbia”.
All’indomani della strage di Orlando, quando un uomo uccise 49 persone dentro la discoteca gay Pulse, Anderson commentò: “La buona notizia è che ci sono 50 pedofili in meno in questo mondo. Perché, sapete, questi omosessuali sono un branco di pervertiti e pedofili”.

Ingresso vietato in 31 paesi

L’Olanda non è il primo paese a vietare l’ingresso del predicatore. Altri stati come il Canada, il Botswana, la Jamaica, il Sud Africa e il Regno Unito avevano preso misure simili.

In un video pubblicato su YouTube, lo stesso Anderson dichiara di essere stato escluso da 31 paesi in tutto il mondo e che gli eventi previsti in Olanda e in Svezia non si terranno.
Oltre che dall’Olanda, il provvedimento impedisce l’ingresso dell’uomo in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020