Categorie: News

Stop di Sala ai bimbi con due papà: l’appello: “Non discriminate i bambini”

Il sindaco Sala si è fermato. Dopo avere registrato un certo numero di famiglie arcobaleno all’anagrafe di Milano riconoscendo i due papà o le due mamme di alcuni bambini, il primo cittadino del capoluogo lombardo ha bloccato tutto. O meglio, ha bloccato le trascrizioni degli atti di nascita dei bimbi con due papà. Proseguono, invece, i riconoscimenti di due mamme. Ma perché?

“Aspettiamo l’Avvocatura di Stato”

La notizia la riferisce il Corriere della Sera secondo cui l’ufficiale di Stato Civile ha motivato così il diniego a due papà: “il Ministero dell’Interno non si è ancora espresso sulla tematica oggetto delle istanze di trascrizione degli atti di nascita con paternità omosessuale e ha invece interessato l’Avvocatura di Stato”.
Uno stop che tiene in sospeso molte famiglie, nonostante le pronunce favorevoli di diversi tribunali e le trascrizioni fatte da altri comuni.
Per questo, oggi Famiglie Arcobaleno ha diffuso un appello a Sala.

“Stupefacente ritrosia”

“Proprio perché conosciamo e apprezziamo l’attenzione che da sempre la giunta Sala, e prima ancora quella Pisapia, riserva alle persone Lgbt – dichiara la presidente dell’associazione Marilena Grassadonia -, troviamo stupefacente la ritrosia della giunta a muoversi su una strada già intrapresa da molti sindaci e la cui piena legittimità è stata più volte certificata dai tribunali”.

Un questione di volontà

“Da mesi i nostri soci attendono invano una risposta e se ci siamo infine decisi a un appello pubblico è perché siamo ancora convinti che la situazione si possa sbloccare – continua -. Basta però rinvii e incontri interlocutori: il mancato riconoscimento sta rendendo la vita di molte famiglie difficile. Ci è stato detto che gli uffici aspettano un parere dell’Avvocatura di Stato, e quindi la sentenza della Cassazione a sezioni unite sul cosiddetta “caso Trento”. Ma il Comune, se c’è la volontà politica, può muoversi da subito”.

I diritti di tutti

“Chiediamo a Sala di dirci chiaramente se questa volontà politica c’è – conclude Grassadonia -. Lo abbiamo ringraziato e lo ringraziamo ancora per i riconoscimenti delle famiglie con due madri, ma come associazione chiediamo che i diritti siano diritti per tutti. I bambini e le bambine non possono essere discriminati sulla base di come sono nati”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020