Categorie: News

Il Colorado è il sedicesimo stato degli Usa a vietare le terapie riparative.

Il Colorado è il sedicesimo stato degli Usa ad approvare una legge che vieta le cosiddette “terapie riparative”, cioè quei tentativi di far diventare eterosessuali le persone lgbt+.
Venerdì scorso, il 5 aprile, la Camera dei Rappresentanti ha dato il sì definitivo. La legge che impedisce di sottoporre le persone minorenni a qualsiasi tentativo di “conversione”.

Ora la firma del governatore

La legge era già stata approvata in Senato. Ora dovrà essere firmata dal governatore del Colorado, Jared Polis che è omosessuale e sostenitore un dei diritti delle persone lgbt+. Jared Polis è il primo governatore dichiaratamente omosessuale dello Stato. La sua firma, dunque, è data per assodata dalle associazioni che già festeggiano questo traguardo.

La gioia delle associazioni

Il Field director di Human Rights Campaign, Marty Rouse, ha dichiarato: “Ringraziamo l’Assemblea Generale del Colorado per il continuo supporto a questa legge cruciale a favore dell’uguaglianza”. “Questa legge – ha aggiunto Rouse – fornisce tutele che salvano la vita ai ragazzi di tutto il Colorado impedendo la pericolosa e infondata pratica conosciuta come terapia di conversione”.

Negli altri stati

Gli altri stati degli Usa ad avere vietato per legge le terapie riparative sui minorenni sono: Connecticut, California, Delaware, Nevada, New Jersey, Oregon, Illinois, Vermont, New York, New Mexico, Rhode Island, Washington, Maryland, Hawaii e New Hampshire oltre al Distretto della Columbia. In Europa l’unico stato ad avere approvato una legge simile è Malta. In Italia, un disegno di legge in questo senso fu presentato nel 2016 dall’allora senatore del Pd Sergio Lo Giudice. Il ddl non è mai stato discusso.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020