Categorie: News

Militante di CasaPound andrà al pride: espulso dal partito

Il pride evento divisivo? Sì, se fai parte di CasaPound Italia e decidi di partecipare alla marcia dell’orgoglio Lgbt. È quanto accaduto a Luca De Marchi, eletto nel 2015 al consiglio comunale di Mantova in una lista civica e poi passato nel movimento di estrema destra, con quale si era candidato alla Camera dei Deputati nelle scorse elezioni senza essere eletto. Il consigliere ha dichiarato che andrà dunque alla manifestazione, ma il partito dei “fascisti del terzo millennio” non ha gradito e lo ha espulso.

La nota di CasaPound Italia

Luca De Marchi

In una nota ufficiale, il partito motiva le ragioni dell’allontanamento: «Le sue dichiarazioni circa una sua partecipazione, seppur a titolo personale, alla manifestazione del Gay Pride in programma a Mantova domani» si legge «costituiscono motivo di allontanamento da CasaPound Italia». Insomma, se vuoi marciare con il popolo arcobaleno, non puoi essere fascista. Il che, a ben vedere, ci rincuora. «De Marchi predilige ancora una volta la ricerca di visibilità personale alla condivisione di intenti con una comunità politica che da sempre è esteticamente e politicamente distante da certe manifestazioni».

Valori inconciliabili

Adesso, che estrema destra e diritti per specifiche categorie sociali – delle persone Lgbt ai migranti, passando per la questione femminile – non vadano motto d’accordo, non è un mistero per nessuno. Per cui non stupisce la reazione di CasaPound. Ciò che invece non quadra è come sia possibile che si riconosce nei valori del fascismo possa poi aderire al messaggio implicito a tutti i pride: accoglienza, inclusione e pari dignità per tutti e tutte. Chissà, magari De Marchi – domani a Mantova – riuscirà a chiarirsi le idee. E ad abbandonarne altre che non possono avere cittadinanza in un paese democratico.

 

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020