Categorie: News

Bologna salva dal machismo di Bolsonaro una cittadina trans brasiliana

«Se dovessi far ritorno in Brasile temerei costantemente per la mia vita», ha dichiarato alla commissione per il riconoscimento della protezione internazionale una cittadina brasiliana transessuale di 38 anni. Racconta in poche parole cos’è diventato il Brasile di Jair Bolsonaro. Alla luce di questo è stato concessa la protezione internazionale.
La commissione di Bologna ha stabilito che se lo Stato di provenienza non è in grado di proteggere, o non vuole farlo, le persone Lgtbi anche solo per una visione politica dichiaratamente sessista e omofoba, quello di accoglienza è legittimato a concedere lo status di rifugiato politico.

La decisione

Come si legge nella decisione: il suo Stato d’origine, cioè il Brasile, nonostante “importanti passi in avanti in termini di tutela giuridica contro la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, non si è sempre dimostrato capace o disposto a proteggere le persone Lgtbi da aggressioni e atti persecutori, sia a causa della cultura machista del Paese, che per le pesanti influenze religiose nel discorso pubblico“.
Con questa motivazione la commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Bologna ha accolto la richiesta concedendole lo status di rifugiata.

445 morti solo nell’ultimo anno

Lo riporta il Corriere di Bologna. La commissione ha ritenuto che, alla luce delle dichiarazioni e delle informazioni fornite, sussiste il fondato pericolo di persecuzioni in caso di rientro nel Paese. Nel ricorso presentato dall’associazione MigraBo, nata nel 2012 con lo scopo di aiutare e assistere le persone immigrate Lgbti, è stata sottolineata la condizione delle persone transessuali in Brasile, oggetto di discriminazione sociale e atti persecutori, che mettono a rischio la vita. Una condizione precipitata con l’avvento sulla scena politica di Jair Messias Bolsonaro, eletto presidente lo scorso gennaio.
Come già raccontato da GayPost il numero delle persone LGBT uccise dopo l’elezione di Bolsonaro è salito del 30%. Solo nell’ultimo anno si contano 445 morti (58 i suicidi).

Condividi

Articoli recenti

Brasile, Bolsonaro abolisce un corso universitario per studenti trans*

Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ha abolito un corso di ingresso dell'Università di integrazione afro-brasiliana (Unilab) che aveva contenuti specifici…

17 luglio 2019 4:53 PM

Squadrismo su una donna trans: adescata da una coppia etero poi massacrata a sprangate

Una trappola, un assalto squadrista pianificato nei minimi dettagli. La vittima è una trans sex sex worker sudamericana regolarmente soggiornante…

17 luglio 2019 4:30 PM

La Francia riduce il periodo di astinenza imposto alle persone gay per donare il sangue

Il periodo di astinenza di un anno che gli omosessuali attualmente devono rispettare per poter donare il sangue in Francia…

17 luglio 2019 1:12 PM

Addio ad Andrea Camilleri, creatore di Montalbano: sostenne le unioni civili

Ci lascia il padre letterario del commissario Montalbano. Un esempio di grande civismo.

17 luglio 2019 12:26 PM

Sergio Lo Giudice: “E’ ufficiale: i miei figli hanno finalmente due papà”

E' passata in giudicato la sentenza di setpchild adoption presentata dell'ex senatore nei confronti dei figli avuti insieme al marito.

17 luglio 2019 8:45 AM

Meno morti per Aids ma allarme nuovi contagi da Hiv. Unaids: “Volontà politica assente”

Le morti collegate all'Aids sono diminuite a circa 770mila nel 2018, il 33% meno del 2010 quando furono 1,2 milioni…

17 luglio 2019 8:32 AM