Categorie: News

Bologna salva dal machismo di Bolsonaro una cittadina trans brasiliana

«Se dovessi far ritorno in Brasile temerei costantemente per la mia vita», ha dichiarato alla commissione per il riconoscimento della protezione internazionale una cittadina brasiliana transessuale di 38 anni. Racconta in poche parole cos’è diventato il Brasile di Jair Bolsonaro. Alla luce di questo è stato concessa la protezione internazionale.
La commissione di Bologna ha stabilito che se lo Stato di provenienza non è in grado di proteggere, o non vuole farlo, le persone Lgtbi anche solo per una visione politica dichiaratamente sessista e omofoba, quello di accoglienza è legittimato a concedere lo status di rifugiato politico.

La decisione

Come si legge nella decisione: il suo Stato d’origine, cioè il Brasile, nonostante “importanti passi in avanti in termini di tutela giuridica contro la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, non si è sempre dimostrato capace o disposto a proteggere le persone Lgtbi da aggressioni e atti persecutori, sia a causa della cultura machista del Paese, che per le pesanti influenze religiose nel discorso pubblico“.
Con questa motivazione la commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Bologna ha accolto la richiesta concedendole lo status di rifugiata.

445 morti solo nell’ultimo anno

Lo riporta il Corriere di Bologna. La commissione ha ritenuto che, alla luce delle dichiarazioni e delle informazioni fornite, sussiste il fondato pericolo di persecuzioni in caso di rientro nel Paese. Nel ricorso presentato dall’associazione MigraBo, nata nel 2012 con lo scopo di aiutare e assistere le persone immigrate Lgbti, è stata sottolineata la condizione delle persone transessuali in Brasile, oggetto di discriminazione sociale e atti persecutori, che mettono a rischio la vita. Una condizione precipitata con l’avvento sulla scena politica di Jair Messias Bolsonaro, eletto presidente lo scorso gennaio.
Come già raccontato da GayPost il numero delle persone LGBT uccise dopo l’elezione di Bolsonaro è salito del 30%. Solo nell’ultimo anno si contano 445 morti (58 i suicidi).

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020