Categorie: NewsOnda Pride

Parte la Queeresima: i quaranta giorni arcobaleno in vista del Sardegna Pride

Un foglio A4 piegato con i soldi sistemati all’interno consegnati da una prof a San Gavino. “Li hanno raccolti per voi i miei alunni”.
E’ solo una delle donazioni arrivate agli organizzatori della Queeresima, una cinquantina di appuntamenti dedicati ai diritti e alla cultura di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e queer, e del Sardegna pride in programma il 6 luglio a Cagliari. Quaranta giorni di incontri, cinema, dibattiti e spettacoli più evento finale gratuiti e autofinanziati dall’associazione Arc, coordinatrice della rassegna. Già aperte le sottoscrizioni. E le donazioni stanno già arrivando, come dimostra il caso di San Gavino.

Gli appuntamenti

La Queeresima prenderà il via venerdi’ 17 maggio con un triplo appuntamento in contemporanea alle 18: a Nuoro ci sarà il corteo “Fear to zero – paura a zero” con partenza dai Giardini pubblici, a Santa Teresa di Gallura andrà in scena la performance “Travolgente marea, storie di orgoglio Lgbt”. Trasferta anche a Roma con un evento a teatro organizzato dal circolo Mario Mieli. Tra le manifestazioni all’aperto anche un flashmob degli studenti cagliaritani sul tema del bullismo verso la comunità Lgbt e un’escursione notturna alla Sella del diavolo. Coinvolti, oltre Cagliari, anche Carbonia e Macomer.

Il matrimonio sardo-olandese

“Ho visto le fatiche di una comunità in lotta da tanto tempo che ha preso il coraggio di scendere in strada” racconta  a Casteddu Online il il portavoce dell’Arc Carlo Cotza. E, a dieci anni dal primo corteo, “a Cagliari c’è una società migliore, anche grazie al lavoro delle amministrazioni e delle associazioni. Se siamo qui è però anche per dire che non ci basta, viviamo tempi in cui sembrano riaffacciarsi certi totalitarismi, crediamo che possa esistere un mondo migliore senza chi fomenta l’odio e legittima la discriminazione”, spiega Cotza. “C’è chi vuol far apparire il mondo più brutto di quello che è, cercando di creare divisioni tra le persone. Noi chiediamo il matrimonio egualitario perché tutte le persone devono essere uguali davanti alla legge”. Un evento che porta anche turismo: una coppia sardo-olandese ha scelto di sposarsi a Cagliari il giorno prima del Pride per trattenersi in città, con famiglia e amici, anche per l’evento finale. Tanti ospiti in arrivo dal resto d’Italia, dall’Europa e persino dal Canada.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020