Categorie: NewsOnda Pride

Bari Pride rifiuta il patrocinio della Regione: “No, senza la legge contro l’omotrasfobia”

Il coordinamento Bari Pride ha rifiutato “il patrocinio morale” della Regione Puglia alla manifestazione del prossimo 29 giugno. “Noi non siamo interessati alle briciole. Noi vogliamo tutto” è scritto in una nota.

Dopo il no alla legge contro l’omotransfobia

“Nessun logo istituzionale della Regione comparirà, dunque, sulle nostre bandiere o sui nostri manifesti – aggiungono -. Nessun sostegno simbolico alle nostre rivendicazioni è possibile se manca la volontà politica di realizzarle”. Nella nota il coordinamento ricorda “l’affossamento del disegno di legge regionale contro le discriminazioni omo-bi-transfobiche, di cui si è resa impossibile persino la calendarizzazione”, chiarendo di volersi “sottrarre alla doppiezza di chi strizza l’occhio alle nostre battaglie sociali, ma le sacrifica per gli equilibri della maggioranza”.

“I diritti Lgbt non sono una bandiera”

Chiedono, quindi, “che il ddl venga messo in discussione in tempi certi” perché “vogliamo – continuano – che questo Consiglio regionale si assuma, prima della scadenza del suo mandato, la responsabilità politica dell’approvazione o della bocciatura della legge, affinché siano chiari, finalmente, nomi e numeri di chi cavalca strumentalmente le lotte della nostra comunità”.
“Se i diritti delle persone lgbtqi non sono solo una bandiera da agitare in cerca di consenso elettorale, – conclude la nota – questo è il momento di dimostrarlo. Chiediamo risposte immediate e precise”.

La risposta di Emiliano

Alle polemiche è arrivata la risposta del governatore della Puglia Michele Emiliano: ” “Il disegno di legge contro l’omofobia e la transfobia è uno dei principali punti del nostro programma. L’obiettivo è prevenire e contrastare le discriminazioni e le violenze determinate da orientamento sessuale, identità di genere e condizioni intersessuali. Un disegno di legge scritto dal basso con le associazioni che ho fortemente voluto” spiega il governatore pugliese “tant’è che porta la mia firma, approvato dalla Giunta regionale il 14 novembre 2017. Sapevo fin dall’inizio che non sarebbe stato semplice far approvare questa legge dal Consiglio”

“Passaggio in assemblea inevitabile”

Emiliano spiega le difficoltà che incontra in Regione un disegno del genere, dovuto agli equilibri di maggioranza: “Al Comune – spiega ancora Emiliano -riuscimmo a realizzare questi obiettivi senza passare dall’Aula, perché’ anche allora le forze politiche di maggioranza si spaccarono, e trovammo la strada amministrativa per firmare come sindaco e come giunta gli atti necessari” e aggiunge: “Il passaggio dall’assemblea legislativa è inevitabile, non basta l’indirizzo politico della giunta. Chi ha interesse solo al proprio piccolo tornaconto (a proposito di opportunismo politico) specula facendo passare il messaggio che l’approvazione della legge dipende solo dal presidente, ma non è cosi. La verità è che ci sono sensibilità diverse su questo tema e che il percorso culturale che la legge propone comincia proprio dal trovare una maggioranza in Consiglio intorno a questa proposta. Non perdo occasione (l’ultima in ordine di tempo pochi giorni fa nel corso dell’evento Mano a mano) per richiamare l’attenzione pubblica sull’importanza di questa legge. E non si contano le volte che ho dialogato con i consiglieri regionali, anche alla presenza del mondo cattolico e delle associazioni delle famiglie, per spiegare e difendere le nostre ragioni. Continuerò a fare questo lavoro di dialogo e di inclusione finchè non otterremo il risultato, come ho sempre fatto ogni volta che ho preso un impegno con la comunità”

“Ci sarò sempre per comunità”

“Ultima precisazione – conclude il governatore pugliese – il patrocinio della Regione Puglia è stato richiesto per iscritto dagli organizzatori del Bari Pride il 31 maggio. Ed è stato dato come risposta a una loro richiesta. Mi permetto di dire agli organizzatori che ogni grande risultato si raggiunge unendo le forze e non dividendosi. E che comunque la pensiate sono al fianco della comunità LGBT, come la mia storia testimonia, con le parole e con i fatti. Ci sono stato, ci sono e ci sarò sempre, nei momenti di festa e di orgoglio, così come nei momenti del dolore e delle difficoltà. E ci sono con tutte le mie forze in questo cammino per approvare la legge regionale”.

Condividi

Articoli recenti

La più giovane premier finlandese, figlia di una donna lesbica che l’ha cresciuta con la compagna

Per la Finlandia e per il mondo l’otto dicembre rimarrà una data storica: l’elezione di Sanna Marin a prima ministra…

9 dicembre 2019

Quando Boris Johnson esaltava Pinochet e già attaccava i gay

Lo spettro di un articolo scritto per The Spectator quando Boris Johnson, il premier britannico aveva trent’anni, aleggia sulla sua…

9 dicembre 2019

«Sono repubblicana da una vita». Donna trans licenziata dal posto di lavoro

I pregiudizi colpiscono chiunque, anche chi si descrive «repubblicana da una vita». E così, Erin Dotten, proveniente dalla Florida, si…

9 dicembre 2019

Venture: come sconfiggere le fake news e l’omofobia con un gioco di carte

Si chiama Venture ed è un gioco di carte che si prefigge di sconfiggere le fake news. Ed ha deciso…

9 dicembre 2019

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019