Categorie: News

Augura l’inferno ai gay. La reazione della nazionale di Rugby è quella giusta

La Nazionale australiana di rugby ha deciso di rescindere il contratto di Israel Folau, a seguito di commenti anti-LGBT pubblicati sui social.
“Avvertenza: ubriachi, omosessuali, adulteri, bugiardi, fornicatori, ladri, atei, idolatri, l’inferno vi aspetta, solo Gesù salva”, queste le frasi racchiuse in una foto postata dall’australiano su Instagram.

Il post

Classe 1989, finalista nella Coppa del Mondo 2008 di rugby a 13 e in quella 2015 di rugby a 15 (perse entrambe con la Nuova Zelanda), e vincitore di un Super Rugby nel 2014 con i Waratahs, Isreal non farà più parte della Nazionale gialloverde.

Il comunicato della Nazionale

Il comunicato della nazionale è un esempio di quello che vorremmo vedere anche in Italia, quando calciatori o sportivi in generale esprimono opinioni che violano il limite della libertà d’espressione ed entrano nel campo della discriminazione. “Mentre Israel ha diritto alle sue convinzioni religiose, il modo in cui ha espresso queste convinzioni è incoerente con i valori dello sport – ha dichiarato la Nazionale australiana -. Israel non è riuscito a capire che come giocatore dell’Australia e del Nsw Waratahs non può condividere materiale sui social media che condanna, diffama o discrimina le persone sulla base della loro sessualità. Il rugby è uno sport che lavora continuamente per unire le persone. Vogliamo che tutti si sentano sicuri e benvenuti nel nostro gioco e nessuna diffamazione basata su razza, genere, religione o sessualità sia accettabile e nessun linguaggio che isola, divide o offende le persone in base a questi fattori può essere tollerato. Come da codice abbiamo riferito a Israel, formalmente e ripetutamente, che qualsiasi post sui social media o commenti che siano in qualche modo irrispettosi verso le persone a causa della loro sessualità si tradurranno in azioni disciplinari. In assenza di fattori attenuanti convincenti, è nostra intenzione terminare il suo contratto”.

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020