L’asse franco-tedesco: “Il Brunei rinunci alla pena di morte per gay e adulteri”

Anche la Francia e la Germania contro il nuovo codice penale del Brunei, che da domani prevede la pena di morte per lapidazione per adulteri e omosessuali.

Berlino convoca l’ambasciatore

Il governo tedesco ha convocato l’ambasciatore del Brunei a Berlino. Durante l’incontro è stato rivolto un appello all’ambasciatore perché il paese si attenga agli obblighi relativi ai diritti umani. “Abbiamo espresso le nostre preoccupazioni per l’introduzione della legge”, è stato reso noto.

L’appello francese

La Francia contemporaneamente ha lanciato un appello al Brunei a rinunciare ad una nuova legge. “Il Brunei ha annunciato l’entrata in vigore di un nuovo codice penale il 3 aprile 2019 che prevede pene corporali e la pena di morte per delitti di omosessualità, adulterio, apostasia e blasfemia. La Francia lancia un appello al paese asiatico a rinunciare al progetto e a mantenere la sua moratoria de facto delle esecuzioni capitali dal 1957“, ha dichiarato la portavoce della diplomazia francese in una nota.

Il richiamo dell’Onu

Ieri l’Onu aveva già denunciato le “pene crudeli e disumane” previste dalla nuova legislazione del Brunei. “Lancio un appello al governo perché sospenda l’entrata in vigore di questo nuovo codice penale che, se applicato, segnerebbe una ritorno al passato riguardo alla protezione dei diritti umani” in Brunei, aveva dichiarato l’Alto Commissario ai diritti umani, Michelle Bachelet, in una nota. La revisione della legge, che deve entrare in vigore il 3 aprile in questo piccolo e ricco Stato petrolifero del sud est asiatico, “prevede pene crudeli e disumane che violano gravemente il diritto internazionale relativo ai diritti umani – fra cui la morte per lapidazione”, aveva aggiunto Bachelet.

Condividi

Articoli recenti

Tra le 100 donne più influenti per la BBC l’attivista trans Nisha Ayub

Tra le cento donne più importanti del 2019, insieme a Greta Thunberg e Megan Rapinoe, anche l'attivista trans Nisha Ayub

17 ottobre 2019

Polonia, una nuova legge equiparerà l’educazione sessuale alla pedofilia

Il governo conservatore della Polonia sta cercando di varare una nuova legge che equiparerà l'educazione sessuale alla pedofilia

17 ottobre 2019

Gran Bretagna, studio Galop: cresce l’omofobia tra i giovani

Un'indagine di Galop mostra come in Gran Bretagna ci sia una crescente omofobia soprattutto tra i giovanissimi

17 ottobre 2019

Elezioni, la candidata leghista firma il manifesto “no gender”. Omphalos: “Questa non è l’Umbria”

Umbria, la candidata a governatrice della Lega Tesei firmerà il documento pro-life. Spaccati anche i cattolici. Duro attacco di Omphalos.

16 ottobre 2019

La Scozia chiede scusa agli omosessuali e concede una grazia postuma

Meglio tardi che mai: in Scozia arriverà la grazia postuma per uomini gay e bisessuali accusati di sodomia. Il provvedimento…

16 ottobre 2019

Pesaro, minacciato con un coltello: «Frocio, vattene»

A Pesaro uno studente è stato insultato eminacciato con un coltello da un branco. Il ragazzo ha perso i sensi,…

16 ottobre 2019