Categorie: News

Amnesty denucia: donne attiviste, gay e atei nel mirino delle autorità saudite

Amnesty International denuncia duramente il video diffuso dal Dipartimento saudita per la lotta all’estremismo nel quale sono stati inclusi femminismo, omosessualità e ateismo. Per Riad sarebbero idee estremiste e pertanto punibili col carcere e con le frustrate.

I REATI

Nel paese arabo l’ateismo è già da tempo considerato un reato punibile con la pena di morte. L’omosessualità, invece, non è esplicitamente menzionata nel codice penale, ma è proibita dalla scarica, la cd legge islamica e fonte del diritto saudita.
Alcune riforme recenti hanno un po’ cambiato le cose riguardo al sistema del guardiano maschile e altre norme discriminanti nei confronti delle donne. E’ stato per esempio abolito il divieto di guida. Queste riforme sono il frutto di una incessante azione delle femministe e delle attiviste. Molte di loro sono in prigione, adesso, oppure subiscono persecuzioni. Di recente, anche personaggi del mondo dello spettacolo come Nicki Minaj si sono schierati a favore delle donne saudite.
Dal maggio 2018 sono in carcere 13 di loro, tra cui Loujain al-Hathloul, Samar Badawi e Naseema al-Sada. Altre 14 persone (scrittori, arrivisti e familiari delle donne in carcere) sono state arrestate nell’aprile di quest’anno.

AMNESTY INTERNATIONAL

Un annuncio «Oltraggioso e pericoloso». Il commento al video è arrivato da Heba Morayef, direttrice di Amnesty International per il Medio Oriente e l’Africa del Nord.
«Il femminismo, l’ateismo e l’omosessualità non sono reati – ha dichiarato Morayef –. Questo annuncio ha gravi implicazioni per i diritti alla libertà d’espressione e alla vita oltre che per la libertà e la sicurezza personali. Dietro i proclami sul progresso fatti da Mohamed bin Salman, si nasconde il volto intollerante del regno saudita che criminalizza l’identità delle persone così come le idee e le opinioni riformiste e progressiste», ha proseguito Morayef.

«Ad allarmare è anche il silenzio internazionale di fronte alla detenzione di decine di dissidenti pacifici. Gli alleati chiave dell’Arabia Saudita – come gli Usa, il Regno Unito e l’Unione europea – devono fare pressione sulle autorità di Riad sottolineando l’urgente bisogno di proteggere la libertà d’espressione nel paese, a partire dal rilascio dei difensori dei diritti umani e di chiunque altro si trovi in carcere solo per l’espressione pacifica delle sue idee», ha concluso Morayef.

Condividi

Articoli recenti

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019