Categorie: News

Pubblicano su Facebook la loro unione civile: minacciati di morte

Due uomini, le cui generalità sono tenute riservate per motivi di sicurezza, hanno celebrato a Padova la loro unione civile nello scorso week end. Una cerimonia come molte, nel segno del “sogno che si avvera”, con amici e parenti e con la commozione dovuta in occasioni come questa. Con i telefonini a immortalare il fatidico sì e a condividerlo sui social. È bastato questo perché la coppia venisse insultata e minacciata su Facebook. Fino ad arrivare alle minacce di morte.

Dai social ai siti arabi

La coppia è formata da un italiano e da un uomo di origine marocchina. Dopo la pubblicazione su Facebook, il video – attraverso il circuito delle condivisioni – è arrivato ai media arabi. Tanto da catturare l’attenzione di alcuni siti estremisti. «Fin da sabato pomeriggio la mia pagina Facebook è stata invasa da commenti cattivi e insulti», ha dichiarato il ragazzo italiano. «Decine, centinaia, non rivolte a me, io per loro sono già un peccatore, per il semplice fatto di essere cristiano. Ma al mio compagno: l’omosessualità è un reato in Marocco, punibile per legge.

Il video rimosso

L’uomo ha paura, più che altro, per la madre del suo compagno: «Questa gente è pazza e mia suocera vive lì. In quel video c’erano i nostri dati, nomi, indirizzi. Siamo rintracciabili». La coppia, intanto, ha sporto denuncia alle forze dell’ordine: «La polizia ci ha rassicurato» dice ancora l’italiano. La coppia si è anche trovata costretta a rimuovere il filmato dal social: «Intanto abbiamo chiesto di cancellare il video che riporta i nostri nomi. Speriamo almeno di togliere in questo modo l’arma agli imbecilli».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020