Categorie: News

Tutti contro il Cristo Lgbt esposto a Massa. Censura di Facebook e petizione online

Facebook ci ricasca e prende di mira il “bersaglio” sbagliato. Sono state censurate le immagini della mostra di Giuseppe Veneziano, l’artista siciliano esponente della corrente artistica New Pop italiana che a Massa ha portato una serie di quadri provocatori e dissacranti. Tra questi il Cristo Lgbt, con indosso un paio di mutande leopardate di Dolce e Gabbana.

A raccontalo Alessandro Bandoni, che è stato il primo presidente apertamente gay della commissione pari opportunità del Comune di Carrara e che aveva pubblicato sul proprio profilo le foto della mostra “Storytelling” (inaugurata sabato scorso a Palazzo Ducale di Massa, visitabile fino al 24 febbraio). Facebook gli ha inviato il classico messaggio: ‘un contenuto potrebbe non rispettare i nostri standard della community’, e gli ha bloccato il profilo per 23 ore.

La petizione: «Offesa a tutti i credenti»

Il Cristo aveva già fatto discutere l’estrema destra e fondamentalisti cattolici che bollando il quadro come “blasfemo” hanno lanciato una petizione on line, indirizzata al sindaco di Massa, Francesco Persiani, con cui si chiede la “sospensione della mostra”. “È un’offesa a Cristo e a tutti i credenti, è blasfemia, è vilipendio alla religione e al sentimento di milioni di persone”, si legge nella motivazione. La petizione ha raggiunto solo 376 firme.

Quando hanno chiesto a Veneziano se potrebbe essere un Cristo gay, l’artista ha risposto in questo modo: “Perché no? Per me gli uomini e le donne sono tutti uguali e a me non importa che orientamento sessuale hanno. Mi aspetto critiche dalla Chiesa. Mentre dipingevo questo quadro, sapevo che avrei fatto irritare qualcuno. Ma l’arte non si può permettere di rappresentare solo tramonti o fiorellini”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020