Categorie: News

A sorpresa sul palco del Congresso di Verona una senatrice del M5s

La senatrice del M5S Tiziana Drago si è presentata a sorpresa sul palco del Congresso mondiale della Famiglia di Verona, ‘violando’ il diniego alla partecipazione all’incontro pronunciato nei giorni scorsi dal vicepremier Luigi Di Maio. “Ho ricevuto l’invito tempo fa – ha detto, accolta da un applauso – e ci ho pensato. Auspico che su questi temi ci sia un dialogo“.

Alcuni di noi pro famiglia tradizionale

“Non è stato facile venire qui” ha dichiarato “e voglio dire che è stata una scelta personale. Il M5s non è una realtà politica legata solo alle dichiarazioni di questi giorni, ci sono anche senatori e deputati che hanno apertura verso la famiglia tradizionale. Bisogna tutelare i diritti di tutti, e quelli dei bambini vanno al primo posto“.

Da sempre in compagnia degli omofobi

Una sorpresa. Forse no. Basterebbe scorrere la biografia della senatrice per capire che sui diritti civili la sua posizione si sempre presentata netta. Contro.
La senatrice infatti è l’unica grillina a far parte di “Famiglia e Vita”, intergruppo parlamentare che raccoglie i movimenti più conservatori della politica italiana. Fra i temi combattuti: droghe leggere, contrasto al suicidio assistito, gestazione per altri, adozioni omogenitoriali e ‘”educazione del gender nelle scuole”. Valori “non negoziabili” per l’intergruppo formato oltre che dalla senatrice cinquestelle anche da Simone Pillon (Lega), Maurizio Gasparri (Forza Italia), Gaetano Quagliariello (Idea), Giovanni Donzelli (Fratelli d’Italia)

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020