Categorie: News

Venezia, ancora aggressioni: «Sei fortunato che c’è gente, altrimenti…»

Ancora insulti e aggressioni, nel Veneto. Ancora a sfondo omofobico. A riportare la notizia sono sia il Gazzettino, sia Venezia Today che riportano la testimonianza di un ragazzo veneziano che martedì scorso, a Rialto, è stato raggiunto dal branco, mentre era insieme al suo fidanzato, ed è stato oggetto di pesanti offese e minacce, anche contro la sua incolumità fisica.

I due ragazzi aggrediti dal branco

La coppia stava passeggiando per strada, per andare a casa, quando poco prima di mezzanotte un gruppo di ragazzi molto giovani li ha incrociati. I due ragazzi vengono notati: «Guarda questi qua! Sicuramente sono due froci di merda» sarebbe stato il commento del branco. Ma i due fidanzati non ci stanno e rispondono alle offese, dicendo di essere fieri di essere ciò che sono. Quindi la situazione precipita: «Uno di loro ci viene incontro» dichiara il ragazzo aggredito «e prende di mira il mio fidanzato, dicendogli che gli romperebbe la faccia se non ci fossero state altre persone per strada e offendendoci con le più fantasiose espressioni omofobe».

La minaccia col coltello

Gli insulti continuano e si passa alle minacce fisiche. Spunta un coltello: «Frocio, vieni qua sei hai coraggio. Oggi sei fortunato, stai attento» le parole dell’aggressore. Il giovane veneziano si mostra incredulo per l’episodio di violenza di cui è stato vittima: «Non parlavamo, non facevamo altro se non camminare e fumarci la nostra ultima sigaretta di quella lunga giornata. I quattro ragazzi sembravano perfettamente lucidi e coscienti di cosa stavano dicendo e facendo». Non riesce a capire il perché di tutto quell’odio: «In quel momento eravamo due semplici persone che tornavano a casa dalla biblioteca, come ogni sera». Odio che non ha ragione, in effetti. Solo vittime privilegiate. In questi tempi in cui essere “diversi” sta tornando ad essere una colpa.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020