Categorie: News

Vendola operato d’urgenza per infarto, sul web si scatenano gli haters

È arrivata solo oggi la notizia dell’infarto che ha colpito Nichi Vendola, ex governatore della sinistra ed elemento di punta della storia della sinistra italiana. Il malore è avvenuto tra domenica e lunedì, quindi l’intervento. Il leader di Sel, operato d’urgenza, è stato dichiarato fuori pericolo. Vendola è famoso, ancora, per essere uno dei (pochi) politici che hanno fatto coming out: vive infatti col compagno Ed, insieme al quale ha avuto un bambino, Tobia, attraverso gestazione per altri. Cosa che ha attirato, anche in questo momento delicatissimo, feroci attacchi all’ex presidente.

Gli insulti dai sostenitori del governo

Vendola con la sua famiglia

«A mamma #vendola è arrivato un coccolone quando ha saputo del taglio pensioni?» si esprime così tale Kid Stardust, su Twitter. Vicino al “governo del cambiamento”, l’utente non si fa troppi problemi ad alludere alla genitorialità di Vendola, definendolo tuttavia al femminile. Evidentemente, tra certi fan di Salvini e Di Maio, c’è chi pensa ancora che essere donne sia motivo di demerito. Ne prendiamo atto. Ma non è l’unico che ne approfitta per attaccare, senza alcun ritegno, il personaggio politico.

La denuncia di Sinistra Italiana

Il profilo ufficiale di Sinistra Italiana, infatti, denuncia diversi casi di tweet in cui non ci si fa troppi problemi ad insultare, ed anche pesantemente, Nichi Vendola: «Vendola, a volte la vita ti incula» commenta, sarcastico, Giant. Full Bastard Inside torna sul parallelo con l'”essere madre”, mentre un certo Roberto pubblica una vignetta in cui un bambino è tra due padri, scettico e perplesso, commentando: «Merda, avevo chiesto due genitori ricconi».

L’indignazione degli utenti

La solidarietà sui social

La denuncia arriva anche da altri utilizzatori del social. Eliana scrive indignata, in un suo tweet: «Ma quanto cazzo fate schifo? Solidarietà a Nichi #Vendola, con l’augurio di una pronta guarigione». La ragazza riporta una carrellata di insulti e prese in giro, tra cui si può vedere l’interrogativo di chi, in caso di morte, si chiedeva se il bambino avrebbe perso il padre o la madre. Siamo ancora all’età della pietra, insomma, riguardo la ridefinizione della genitorialità. Tutto ciò, per i “creatori” di certe perle, dovrebbe anche far ridere, magari. E invece…

Ma c’è anche tanta solidarietà per Vendola

Per fortuna, sono anche arrivati numerosi attestati di stima e di solidarietà, da parte di utenti comuni e di personaggi della politica e del mondo Lgbt. «Forza Nichi, siamo con te!» twitta l’ex presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini. Tra gli altri e le altre, ricordiamo anche la vicinanza di Monica Cirinnà, che scrive: «Il cuore di un guerriero resiste ad ogni battaglia. Il mio abbraccio più forte a Nichi, Ed e Tobia». Nell’ambito dell’attivismo arcobaleno, ricordiamo – tra i tanti – il messaggio di Cathy La Torre di GayLex rivolto a tutta la sua famiglia, con tanto di «Daje Nichi».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Visibile, in streaming, sulla piattaforma Streeen, il film di Giovanni Coda per il 17 maggio.

16 maggio 2021

Ddl Zan: sul palco di Roma le Karma B, Luxuria e le istanze delle comunità

Ci saranno le Karma B, sul palco di Piazza del Popolo, a Roma, oggi a…

15 maggio 2021

Lesbofobia, insulti a 18enne di Bari: “Fate schifo, tutti nelle camere bruciati!”

"La decisione di denunciare deriva dalla necessità di far sentire meno soli tutti colore che…

15 maggio 2021

“Le parole che uccidono”: il monologo di Stefano Massini per il ddl Zan

"Le parole che uccidono". Così si intitola il monologo che Stefano Massini ha portato ieri…

14 maggio 2021

Ddl Zan, è tempo della responsabilità: in piazza per una società migliore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di Marilena Grassadonia* per le piazze di questo fine settimana…

14 maggio 2021

26 giugno: torna il Roma Pride, dopo l’assenza dello scorso anno

Torna il Roma Pride. Dopo il fermo dovuto alla pandemia, nel 2020, il 26 giugno…

13 maggio 2021