News

“Vedi che succede a fare sesso coi maschi?”. Quando il medico è omofobo

Un turista straniero in vacanza a Catania si scontra con il medico omofobo di ruolo al reparto di Urologia dell’ospedale cittadino.

Quando a essere omofobo è un medico

Lo vedi che succede a fare sesso coi maschi?“. Questo il commento choc del medico che ha ritenuto opportuno commentare la vita privata di M.K, il ragazzo che insieme al partner si era recato all’ospedale per il controllo di una cisti sebacea.

Basta googolare per rendersi conto che la formazione di una cisti non dipende assolutamente dalle abitudini sessuali di una persona: “Mi ha chiesto se facessi sesso con i ragazzi o con le ragazze – racconta la vittima a Gaypost.it – quando gli ho risposto che di sotto mi aspettava il mio ragazzo ha fatto quella orrenda battuta”.

Lo vedi che succede a fare sesso coi maschi?. Una battuta infelice che M. ha voluto approfondire. “Gli ho chiesto cosa intendesse dire – rivela – e la sua risposta è stata anche peggiore: mi ha detto che è la cosa più sporca del mondo“.

Una discriminazione bella e buona, senza reato

La vittima poi si strugge per il fatto di non poter denunciare. “In molti altri Paesi potrei denunciare ai carabinieri l’attacco omofobo – sottolinea – qui letteralmente non esiste un reato che mi consente di ricevere le scuse che impedisca che accada ancora”. Una discriminazione bella e buona quella subita da una persona che già si trovava psicologicamente sotto pressione e in apprensione per il proprio stato di salute.

Il commento di Gaynet

“Giudizi del genere da parte di un medico sono ancora all’ordine del giorno in Italia. – dice Rosario Coco di Gaynet – e nella stragrande maggioranza dei casi non vengono nemmeno denunciati”.

“Si tratta di comportamenti che possono letteralmente stravolgere la vita e la concezione di sé di una persona, a maggior ragione se si tratta di persone giovanissime – continua – a prescindere da questioni penali, una legge contro le discriminazioni omolesbobitrasnfobiche si dimostra per l’ennesima volta più che mai necessaria. Senza modifiche o mediazioni di sorta“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ley trans, ok del governo: in Spagna si potrà cambiare genere dai 12 anni

Approvato in Spagna, dal Consiglio dei ministri, la cosiddetta ley trans. Si tratta di un…

27 Giugno 2022

Onda Pride, da Bologna ai pride siciliani le marce dell’orgoglio Lgbt+

Giornata densissima, quella di oggi, per le nostre marce dell'orgoglio. Ben otto i pride che…

25 Giugno 2022

Attentato in una discoteca gay, Oslo Pride annullato

Doveva essere il giorno dell'Oslo Pride, nella capitale norvegese. Un giorno di festa, un momento…

25 Giugno 2022

Polis Aperta esclusa dal pride, polemica sui social e nella comunità Lgbt+

Infuria sui social, e all'interno della comunità Lgbt+, la polemica sull'esclusione di Polis Aperta dal…

24 Giugno 2022

Repubblica al Roma Pride: era solo rainbow washing?

Era una notizia di qualche giorno fa: sia la Repubblica, sia La Stampa hanno partecipato…

20 Giugno 2022

De Mari condannata in appello per diffamazione contro la comunità LGBT+

Seconda condanna in appello per Silvana De Mari. Dopo quella dello scorso marzo, in cui…

15 Giugno 2022