Categorie: News

Cina: Weibo ci ripensa, niente censura sui contenuti gay

Sabato scorso, 14 aprile, era arrivata la notizia che il social network cinese Weibo avrebbe censurato la parola “gay” dai post degli utenti, impedendone la pubblicazione. Ma le proteste di milioni di persone hanno costretto l’azienda a fare marcia indietro.
L’equivalente cinese di Facebook (che nel paese della Grande Muraglia è inaccessibile, come altre piattaforme) aveva annunciato le nuove regole secondo cui sarebbero stati vietati contenuti “con implicazioni pornografiche, che promuovono la violenza fisica o che hanno a che fare con l’omosessualità”.

Le proteste degli utenti

La motivazione addotta era l’adeguamento alle nuove leggi sui contenuti sul web che classificano l’omosessualità come “comportamento anormale”. Ma milioni di utenti hanno cominciato a pubblicare post con l’hashtag #IoSonoGay che in pochi minuti è entrato nei trend topic.
Dopo le minacce di boicottaggio da una parte consistente degli utenti del sito, l’azienda sembra avere deciso di tornare sui suoi passi. Oggi il sito ha annunciato che non censurerà i contenuti che parlano di omosessualità o che contengono la parola “gay”.

Vietati i contenuti porno e volenti

“La pulizia non riguarderà più i contenuti omosessuali – ha comunicato Weibo – ed è soprattutto mirato a ciò che riguarda la pornografia e la violenza. Grazie per la vostra discussione e i suggerimenti”.
Ad essere cancellati, ha detto l’azienda, saranno anche i “cartoni e i video che promuovono la violenza fisica” e “giochi violenti con contenuti grafici” tra cui Grand Theft Auto.

La censura e l’app più usata al mondo

Da tempo la comunità lgbt cinese subisce censure sul web e non solo. Era già successo lo scorso anno con alcuni video e qualche giorno fa con la mancata proiezione del film “Chiamami col tuo nome”.

Nonostante tutto questo, la Cina sta diventando velocemente un centro nevralgico del mondo degli appuntamenti. L’app Blued ha dichiarato di essere il più grande social network per omosessuali del mondo, con oltre 27 milioni di utenti prevalentemente cinesi.
Anche Grindr è stata recentemente acquistata da un’azienda cinese dell’IT.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020