Categorie: News

Un uomo è stato denunciato dai vicini perché, in casa sua, indossava un reggiseno

Ognuno ha i suoi gusti e le sue attitudini e finché non nuoce a nessuno, dovrebbe avere il diritto e la libertà di soddisfarli . Non la pensano allo stesso modo tre scozzesi che hanno denunciato il vicino di casa disturbo della quiete. Faceva feste tutte le sere disturbando i vicini, penserete, oppure teneva la televisione a volumi troppo elevati. Niente di tutto questo. David Wotherspoon è stato condannato nel 2016 perché tra le pareti di casa sua indossava un reggiseno. Ora, qualcuno potrà trovarlo bizzarro, ma come è possibile considerarlo “disturbo della quiete”?

Arrestato e processato

Fatto sta che ad agosto del 2015, il signor Wotherspoon viene arrestato dallo sceriffo di Glasgow. Appena ha visto la polizia ha subito pensato: “Se è quello che immagino, è perché ho indossato un reggiseno”. E aveva ragione. Il punto è che il giudice di primo grado ha dato ragione ai suoi vicini che lo avevano visto attraverso le finestre di casa.

Le testimonianze dei vicini

Uno di loro, un uomo di 48 anni, ha dichiarato che non si sentiva minacciato dal comportamento dell’uomo, ma che si sentiva “a disagio” e “preoccupato”. Altre due vicine, due donne di 19 e 22 anni che hanno sostenuto di trovarlo “strano” e “bizzarro”. Insomma, il comportamento di Wotherspoon è stato giudicato “esibizionista, provocatorio e anche perverso”. Per questo era stato condannato.

Il ricorso e la sentenza finale

Naturalmente, l’uomo ha fatto ricorso in appello e la sentenza emessa lo scorso 13 settembre dalla Corte dice che “sfilare con la porta aperta e difronte alle finestre del salone a petto nudo, tranne che per un visibile reggiseno rosa e, in un’occasione, massaggiandosi i capezzoli… potrebbe verosimilmente suscitare allarme in una persona ragionevole e creare trambusto nella comunità”. Tuttavia, l’allarme generato da questi comportamenti non è tale da provocare il “disturbo della quiete pubblica” e, di conseguenza condannare l’uomo.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020