Categorie: News

Unioni civili: sarà depositato domani il referendum per l’abrogazione (parziale)

Secondo quanto riporta l’Ansa, domani, giovedì 26 maggio, alle ore 12.30, una delegazione dei parlamentari promotori del referendum parzialmente abrogativo della legge sulle Unioni civili si recherà presso la Suprema Corte di Cassazione per depositare il quesito referendario.

La delegazione, guidata dalla presidente del comitato Eugenia Roccella, sarà composta da Gaetano Quagliariello e Carlo Giovanardi di Idea, da Maurizio Gasparri, Lucio Malan e Antonio Palmieri di Forza Italia, da Gian Marco Centinaio, Nicola Molteni e Roberto Simonetti della Lega, da Benedetto Fucci e Lucio Tarquinio dei Conservatori e Riformisti, da Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia, da Maurizio Sacconi, Roberto Formigoni e Alessandro Pagano di Area Popolare.

Nel caso in cui la Corte ritenga il quesito ammissibile, il comitato dovrà poi raccogliere 500 mila firme perché il referendum venga indetto.

Il comitato referendario si era presentato alla Camera qualche giorno dopo l’approvazione della legge sulle unioni civili avvenuta alla Camera l’11 maggio scorso. Il 20 maggio Eugenia Roccella annunciava che “preso atto della decisione del presidente Mattarella di firmare la legge sulle unioni civili, appena la stessa sarà pubblicata ci recheremo in Cassazione a depositare i quesiti per la parziale abrogazione“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Legge Zan adottata in Commissione Giustizia: entro giovedì gli emendamenti

Depositata il 30 giugno scorso , la proposta di legge contro l'omolesbobitransfobia e la misoginia…

14 luglio 2020

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020