News

I genitori gay possono essere bravi genitori? Lo studio italiano che risponde a questa domanda

Di ricerche che dimostrino come i figli delle famiglie arcobaleno crescano bene, analogamente a quelle eterosessuali, ne parliamo da anni. Lo studio di Baiocco, Carone e Ioverno è tuttavia qualcosa di unico nel panorama scientifico: non è stato svolto negli Stati Uniti, Paesi Bassi o in qualche altro paese lontano ma ha coinvolto solo famiglie e bambini arcobaleno residenti in Italia.

Il campione era suddiviso in tre gruppi: uno composto da 70 padri gay, il secondo composto da 125 madri lesbiche e, l’ultimo, il gruppo di controllo da 195 genitori eterosessuali. Tutti i bambini presi in esame avevano un’età compresa tra i 3 e gli 11 anni. Per quanto riguarda i piccoli, sono stati presi in considerazione il loro adattamento psicologico e il loro comportamento prosociale. Dei genitori sono invece osservate  le capacità, la flessibilità e la coesione familiare.

Gli omofobi o coloro che, in buona fede, continuano a ripetere “Un bambino ha bisogno di un padre e di una madre”, oggi hanno l’occasione di ricredersi. I risultati dello studio italiano evidenziano che, non solo i figli di coppie dello stesso sesso non hanno più problemi degli altri ma, anzi, i figli dei padri gay e delle madri lesbiche riscontrano meno problemi psicologici rispetto ai figli di genitori eterosessuali.

Scettici all’idea di due genitori uomini, di due papà? A questo proposito, è interessante rilevare che le coppie gay sono quelle che hanno registrano un maggiore livello di coesione e flessibilità familiare: più che fra le lesbiche ed fra gli etero. I risultati hanno inoltre messo in luce come le bambine, indipendentemente dal tipo ti famiglia, sono quelle più prosociali rispetto ai loro coetanei di sesso maschile.

Secondo i ricercatori, è possibile concludere che i bambini con genitori dello stesso sesso crescono “bene sia in termini di adattamento psicologico che di comportamento prosociale”. E aggiungono: “Questo studio mette in guardia i politici dal fare ipotesi sulla base dell’orientamento sessuale su chi siano le persone più adatte di altre a essere genitori o sulle persone a cui si dovrebbe o dovrebbe essere negato l’accesso alle tecniche di procreazione”.

In altre parole, negare alle coppie dello stesso di diventare genitore è una scelta priva di fondamenta scientifiche, bensì squisitamente politica.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023