Categorie: FotoStorie

L’ex tuffatore olimpico e la proposta di matrimonio in gondola, a Venezia – FOTO

“È successo che eravamo in gondola, a Venezia, e gli ho chiesto di sposarmi”. Con queste parole e la foto dei due anelli alle rispettive mani pubblicata su Instagram, il futuro marito dell’ex tuffatore olimpico Johan Jimmy Sjödin ha reso pubblica la proposta di matrimonio fatta in una delle città più romantiche del mondo.

Intervistato in esclusiva da Gay Star News, Johan Jimmy Sjödin ha raccontato di avere smesso con lo sport professionale quando aveva 20 anni.”Scoprii di essere gay – ha spiegato – e decisi che volevo avere una vita sociale”. Classe 1977, Sjödin gareggiò per la Svezia alle Olimpiadi di Atlanta del 1996 e in diverse competizioni nazionali e internazionali.

La svolta dopo il coming out

“Sono cresciuto senza avere una vita sociale perché ero sempre ad allenarmi – ha raccontato -. Mi sono trasferito negli Usa quando avevo 17 anni per frequentare il college con una borsa di studio. Quando ho fatto coming out vivevo a Los Angeles e mi sono detto: “Bene, ora mi concentrerò sul prossimo passo della mia vita”. Da quel momento ho fatto di tutto: dal cameriere al barista, dallo stilista al grafico per gli ultimi 10 anni”.
Fino a quando più di un anno fa ha incontrato il grafico tedesco e bodybuilder Patrick Huber. I due si sono frequentati da allora e vivono insieme a Monaco.

“Fai le valigie, partiamo”

“Mercoledì scorso, a sorpresa, mi ha chiesto di fare le valige perché il giorno dopo saremmo partiti per un posto che avevo sempre voluto vedere” ha raccontato ancora.
Così sono partiti in auto, verso sud. Attraversando il Sud Tirolo, “la strada più scenografica per attraversare le Alpi, perché fosse tutto il più romantico possibile”, sono arrivati a Venezia. “Era già una bella sorpresa, ma non avevo idea che sarebbe stato ben più di una settimana di vacanza”.

La proposta, in gondola

Il venerdì mattina Johan si è sentito dire: “Abbiamo un appuntamento alle 10.30: vestiti e preparati”. Arrivati alla gondola hanno trovato una ragazza che l’ex tuffatore pensava fosse una guida turistica, invece era una fotografa che il suo compagno aveva assunto appositamente. “una volta sulla gondola si è inginocchiato e mi ha fatto la proposta, piangendo – continua il racconto -. Ero così scioccato che non ricordo nemmeno cos’ha detto”.
I due si sposeranno il prossimo 28 maggio, nell’anniversario del loro fidanzamento, in un resort tra le montagne tedesche, poco lontano da Monaco. Per ora la coppia è concentrata sul matrimonio e sul viaggio di nozze che sarà alle Maldive, ma non escludono, in futuro, di avere anche dei figli. Be’, auguri! 😉

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020