Categorie: RainbowStorie

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Andrà in onda lunedì 17 maggio, sulla piattaforma di streaming Streeen il film di Giovanni Coda dal titoloBullied To Death. In occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia la pellicola sarà trasmessa gratuitamente in lingua originale inglese con sottotitoli in italiano a partire dalle ore 8.30 fino a mezzanotte. L’opera inaugura la ventiseiesima edizione di V-art, Festival Internazionale Immagine d’Autore di Cagliari. Si tratta della storia di Jamey Rodemayer, youtuber che si è suicidato in seguito a gravi atti di bullismo omofobico e grassofobico, dopo il suo coming out come omosessuale.

La storia di Jamey Rodemayer

La vittima era di Buffalo e aveva preso parte al progetto It Gets Better, che nella sua versione italiana ha preso il titolo di Le cose cambiano. «La storia di Jamey Rodemayer» dichiara Coda «è la più nota, ma nel film ne cito anche altre: Matthew Shepard fu massacrato e ucciso. Duduzile Zoso era lesbica e fu violentata prima di esssere uccisa. Zachary Dutro-Boggess fu ucciso dalla madre perché semplicemente temeva poteva essere gay. Leelah Alcorn era una ragazza trans che si suicidò. Episodi di violenza di genere e omotransfobica si registrano ogni giorno, ovunque» denuncia il regista.

Il significato politico di Bullied To Death

La storia di Jamey si lega dunque alle storie di altre persone Lgbt+ vittime di feroce odio anti-lgbt, in diversi luoghi del mondo. Proprio per questa ragione, ricorda ancora il regista «il mio film infatti non identifica alcun luogo preciso: è un film ambientato, letteralmente, nel mondo». Per tale ragione Coda ha scelto «attori italiani, sardi, e un attore internazionale come Tendal Mann. Come con il precedente Il Rosa Nudo, anche Bullied To Death ha ottenuto premi in tutto il mondo e ne sono felice perché le mie non sono solo opere d’arte, ma anche strumenti per dire, ad esempio, che i media devono fare la propria parte». Coda, per altro, lega la sua pellicola alla cronaca politica attuale ricordando anche che occorre approvare subito il ddl Zan.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ungheria, il partito di Orban vuole una legge per vietare di parlare di temi Lgbt a scuola

"Ogni testo di propaganda o promozione dell'omosessualità è dannoso per i minorenni", per Fidesz.

13 Giugno 2021

Eva, picchiata per una borsa arcobaleno: un caso che spiega “per chi” serve la legge Zan

Non sappiamo se Eva sia una ragazza lesbica o meno. Sappiamo che la sua aggressione…

12 Giugno 2021

Fuori i nomi, il libro di Simone Alliva che racconta i 50 anni della comunità Lgbt+ italiana

C'è vita sussurrata, narrata o addirittura urlata, nelle pagine di Fuori i nomi. E non…

11 Giugno 2021

Ddl Zan, Scalfarotto (IV): “La destra vuole solo perdere tempo: si vada in aula compatti”

"Italia viva è una di quelle forze politiche che ha fortemente voluto il ddl Zan.…

10 Giugno 2021

Omofobia sul tram a Roma: prima insulta 2 asiatiche, poi minaccia il ragazzo che le difende

"Vieni de fori, te sfonno la faccia", così l'uomo ha aggredito un giovane sui mezzi…

4 Giugno 2021

Torino Pride in piazza il 5 giugno: “Nessun compromesso sul ddl Zan”

Il 5 giugno, sabato, Torino scende in piazza per sostenere il ddl Zan. La manifestazione,…

3 Giugno 2021