Categorie: News

Legge Zan, associazioni: “Pericoloso crinale: non ci presteremo a un gioco al massacro

Non si placano le polemiche dopo l’introduzione della cosiddetta “clausola salva-idee” alla legge Zan contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere e la misoginia. Oggi a riproporre la questione sono otto grandi associazioni lgbt+ del Paese: Famiglie Arcobaleno, ALFI – Associazione Lesbica Femminista Italiana, Circolo Mario Mieli, Omphalos LGBTI, Mixed LGBTI, Associazione Quore, ARC Cagliari, MIT – Movimento Identità Trans e Coordinamento Torino Pride.

Sulla legge Zan un “pericoloso crinale”

Le associazioni definiscono l’adozione dell’emendamento Costa “l’ennesimo segnale del crinale pericoloso in cui questa legge è stata posta dai partiti politici”.
“La scelta operata dalle forze della maggioranza di governo per coinvolgere Forza Italia – scrivono – non solo impoverisce politicamente la legge, ma non sembra essere riuscita nemmeno ad assicurare al resto del testo il consenso necessario all’approvazione”.
Il riferimento è alle dichiarazioni di Berlusconi successive all’accordo con Costa.

Nessun compromesso

Un testo, quello Zan “frutto di una mediazione e del nostro costante impegno fin dal principio”. Una legge attesa da 25 anni a tutela delle persone lgbt+ che ogni giorno subiscono discriminazioni e violenza, come riportano le cronache. Per questo, scrivono le associazioni “ogni compromesso sulla pelle della nostra comunità totalmente inaccettabile”.

La posizione dei firmatari e delle firmatarie del comunicato è chiara. “Se l’idea delle forze che si oppongo a questa legge è quella di fingere supporto per sottoporre il testo a uno stillicidio progressivo di richieste di modifica fino a snaturarlo o a renderlo inefficace – scrivono -, diciamo chiaramente che non ci presteremo a questo gioco al massacro sulla vita delle persone. Chiediamo ai parlamentari che stanno, con passione e coraggio, combattendo per questo testo di non fornire ulteriori alibi ai suoi oppositori”.

Legge Zan in aula senza modifiche

Più che un appello, quello scritto da attiviste e attivisti sembra un vero e proprio monito. “Si porti la legge in aula senza modifiche – si legge nella nota -, e saranno le diverse forze politiche e i singoli parlamentari ad assumersi la responsabilità di bocciare il testo”.
Come in tante e tanti hanno sottolineato negli ultimi giorni, le notizie delle ultime ore sembrano un film già visto.
“Siamo stanchi di politici e partiti che millantano sostegno alle nostre cause – spiegano – e, ogni volta che si arriva a un voto, non si battono per tutelare i diritti della comunità LGBT+”.

L’appello ai leader

La nota si chiude rivolgendosi ai leader dei partiti di maggioranza e direttamente al governo.”Nicola Zingaretti, Vito Crimi, Matteo Renzi, Pietro Grasso e Giuseppe Conte, è finito il tempo del disimpegno – recita il comunicato -. Pretendiamo che prendiate una posizione chiara e che mettiate la vostra faccia sull’approvazione di questa legge che, per i temi che tratta, non può essere abbandonata a questa trattativa umiliante”.

Da che parte state?

Infine, il riferimento alle presenze ai Pride di alcuni esponenti politici. Politici “che si colorano di rainbow a giugno” e “poi non hanno il coraggio di prendere la parola quando si parla delle nostre vite nelle aule del Parlamento. Scegliete da che parte stare. Noi non mancheremo di chiedervene conto”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020