Categorie: News

Trapani: il tribunale impone al sindaco la trascrizione di due bimbi con due papà

Il tribunale ha dato ragione alla coppia di papà: il certificato di nascita dei loro figli, nati all’estero con GPA, va trascritto.
Ancora una volta i giudici superano gli ostacoli posti dalla politica. Il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida (Pd), infatti, si era rifiutato di iscrivere i bimbi all’anagrafe con entrambi i loro padri, residenti a Trapani.

Cosa ha deciso il giudice

“Sulla scorta di quanto sopra evidenziato – scrive il giudice nel dispositivo secondo quanto riporta il sito tp24.it -, deve ritenersi che non riconoscere a XXX e XXX lo status di figli di XXX determinerebbe una ingiustificata ed intollerabile discriminazione a danno dei minori rispetto ad altri minori nati da coppie di sesso diverso e mediante tecniche di procreazione consentite nel nostro Paese”.

Il sindaco: “Creiamo forzature”

Tranchida, dunque, dovrà trascrivere l’atto di nascita dei piccoli includendo, naturalmente, entrambi i loro papà. Lo scorso marzo, il sindaco si era limitato a riconoscere un solo papà, quello biologico, ai due bimbi scatenando polemiche, mobilitazioni e raccolte di firme. “La legge è lacunosa – aveva dichiarato Tranchida – e questo può essere superato soltanto da un giudice. Perché anziché cercare diritti si cercano forzature? Una nostra iscrizione verrebbe sollevata come illegittima”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Visibile, in streaming, sulla piattaforma Streeen, il film di Giovanni Coda per il 17 maggio.

16 maggio 2021

Ddl Zan: sul palco di Roma le Karma B, Luxuria e le istanze delle comunità

Ci saranno le Karma B, sul palco di Piazza del Popolo, a Roma, oggi a…

15 maggio 2021

Lesbofobia, insulti a 18enne di Bari: “Fate schifo, tutti nelle camere bruciati!”

"La decisione di denunciare deriva dalla necessità di far sentire meno soli tutti colore che…

15 maggio 2021

“Le parole che uccidono”: il monologo di Stefano Massini per il ddl Zan

"Le parole che uccidono". Così si intitola il monologo che Stefano Massini ha portato ieri…

14 maggio 2021

Ddl Zan, è tempo della responsabilità: in piazza per una società migliore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di Marilena Grassadonia* per le piazze di questo fine settimana…

14 maggio 2021

26 giugno: torna il Roma Pride, dopo l’assenza dello scorso anno

Torna il Roma Pride. Dopo il fermo dovuto alla pandemia, nel 2020, il 26 giugno…

13 maggio 2021