Categorie: News

Torino: Silvana De Mari andrà a processo per le sue dichiarazioni omofobe

La dottoressa e scrittrice di fantasy Silvana De Mari andrà a processo per diffamazione. Secondo quanto apprende Gaypost.it, il gup di Torino ha infatti rifiutato la richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero pochi giorni fa. A sporgere querela contro De Mari, per via delle sue dichiarazioni contro le persone lgbt e soprattutto contro gli omosessuali maschi, era stato il Coordinamento Torino Pride.

Le dichiarazioni di De Mari

In diverse occasioni, tra cui alcune puntate della trasmissione radiofonica “La Zanzara”, la dottoressa aveva apostrofato i gay come “nuova razza ariana” e persone che “vivono una condizione tragica”. Molti gli incontri che De Mari tiene in giro per l’Italia sostenendo che gli omosessuali si possono “curare” (lei stessa sostiene di averne “curati” diversi) presentando la sessualità dei gay come disturbata e innaturale.

“Una buona notizia”

“È una buona notizia – commenta a Gaypost.it Alessandro Battaglia, coordinatore del Torino Pride -. Quando il giudice ordina al pm il rinvio a giudizio, riconosce la validità della denuncia e anche che il Coordinamento è soggetto titolato a presentare richiesta di opposizione e ad andare in giudizio contro le dichiarazioni infamanti e violente rivolte a tutta la comunità lgbt dalla signora De Mari”.

Gli altri procedimenti

Contro la dottoressa pendono altri due procedimenti. Uno disciplinare all’Ordine dei medici, sollevato dagli avvocati di Gay Lex e una querela sporta a Roma dal Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli. Nel primo caso Gay Lex ha denunciato le posizioni di De Mari, contrarie a quanto la comunità scientifica ormai afferma da quasi 30 anni: l’omosessualità non è una malattia e quindi nessuna cura è praticabile, oltre ad essere ritenuta dannosa per le persone cui viene somministrata. Nel secondo caso, la scrittrice aveva definito Mario Mieli “cantore di pedofilia” e sostenuto di potere “assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020