Categorie: News

Torino, gli avvocati delle associazioni contro De Mari: “Niente di scientifico nelle sue parole: la comunità LGBT va tutelata”

“Non posso ancora credere che nel 2018 ci si debba occupare di affermazioni che ci riportano nel Medio Evo”. E’ la risposta, data oggi in aula a Silvana De Mari dall’avvocato Michele Potè, avvocato di parte civile per conto di Rete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBT nel processo che vede imputata la dottoressa e scrittrice di libri fantasy per diffamazione.
“La De Mari – ha sottolineato secondo quanto riporta l’Ansa – si presenta come psicoterapeuta ma le sue affermazioni non hanno nulla di scientifico. Sono state abbondantemente superate. Già Freud aveva chiarito che l’omosessualità non può essere considerata una malattia, ma la De Mari, per sua stessa ammissione, Freud lo ha studiato poco”.

“Offese volontarie”

Secondo l’avvocato Niccolò Ferraris, che invece è il legale di parte civile per il Coordinamento Torino Pride, De Mari ha volontariamente offeso la comunità Lgtb, che ha diritto ad essere tutelata. Ferraris ha richiamato i precedenti della Corte di Cassazione su casi di diffamazione ai danni della comunità ebraica e della congregazione dei testimoni di Geova, e a una sentenza emessa nel 2015 tribunale di Milano sulla comunità rom.
“Oggi – ha aggiunto l’avvocato – il decadimento della società fa sì che chiunque ritenga di poter offendere gli altri senza pagarne le conseguenze. Ma le leggi ci sono ancora. E il reato di diffamazione non è legato alle evoluzioni della politica, ma si innesta sulla tradizione giuridica occidentale”.
La sentenza sulla querela per diffamazione presentata dal Coordinamento Torino Pride è attesa per domani. Per la dottoressa De Mari è stata chiesta una condanna ad un’ammenda di 1000 euro.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020