News

Thailandia, proposta del governo sulle unioni civili: attivisti Lgbt scettici

La Thailandia potrebbe essere il primo paese ad approvare le unioni tra persone dello stesso sesso in Asia. Il governo, infatti, ha trasmesso nel giorno di ieri al Parlamento un disegno di legge che punta a riconoscere le unioni civili. Tra gli aspetti più interessanti del progetto legislativo, c’è quello dell’adozione – seppur a particolari condizioni (le coppie devono avere passaporto thailandese e avere almeno vent’anni) – e i dovuti adeguamenti patrimoniali.

L’incerto iter parlamentare

L’Assemblea Legislativa Nazionale (Nla) sarà chiamata a valutare il disegno di legge per decidere se discuterlo o no. In caso di esito positivo si avvierà la discussione parlamentare. In questa fase si potranno fare degli emendamenti alla proposta prima di approvare la legge vera e propria. Dopo di che, in caso di esito positivo, la legge sarà operativa dopo centoventi giorni. Il giornalista Ryn Jirenuwat – così come riporta il sito Gay Star News – ha detto che al momento c’è molta incertezza sulle decisioni che prenderà la Nla, ma è plausibile che le elezioni imminenti a febbraio possano giocare un ruolo decisivo sull’esito del ddl.

La contrarietà degli attivisti Lgbt

Eppure, gli attivisti Lgbt thailandesi hanno accolto in modo piuttosto tiepido la proposta: «Come possiamo sostenere una legge del genere» ha dichiarato Matcha Phorn-in, uno dei leader del movimento locale «se ci discrimina? Abbiamo bisogno che la comunità Lgbt sia integrata» continua ancora l’attivista, ricordando che non c’è bisogno di «una legge separata che crei cittadini di seconda classe». Le associazioni chiedono, anzi, il ritiro della proposta: «Se essa non venisse approvata» è la loro teoria «sarà più facile apportare modifiche al Codice Civile» per la piena equiparazione tra coppie dello stesso sesso e coppie sposate. Una reazione, che se vogliamo, ci è abbastanza familiare.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024