Categorie: News

Thailandia, proposta del governo sulle unioni civili: attivisti Lgbt scettici

La Thailandia potrebbe essere il primo paese ad approvare le unioni tra persone dello stesso sesso in Asia. Il governo, infatti, ha trasmesso nel giorno di ieri al Parlamento un disegno di legge che punta a riconoscere le unioni civili. Tra gli aspetti più interessanti del progetto legislativo, c’è quello dell’adozione – seppur a particolari condizioni (le coppie devono avere passaporto thailandese e avere almeno vent’anni) – e i dovuti adeguamenti patrimoniali.

L’incerto iter parlamentare

L’Assemblea Legislativa Nazionale (Nla) sarà chiamata a valutare il disegno di legge per decidere se discuterlo o no. In caso di esito positivo si avvierà la discussione parlamentare. In questa fase si potranno fare degli emendamenti alla proposta prima di approvare la legge vera e propria. Dopo di che, in caso di esito positivo, la legge sarà operativa dopo centoventi giorni. Il giornalista Ryn Jirenuwat – così come riporta il sito Gay Star News – ha detto che al momento c’è molta incertezza sulle decisioni che prenderà la Nla, ma è plausibile che le elezioni imminenti a febbraio possano giocare un ruolo decisivo sull’esito del ddl.

La contrarietà degli attivisti Lgbt

Eppure, gli attivisti Lgbt thailandesi hanno accolto in modo piuttosto tiepido la proposta: «Come possiamo sostenere una legge del genere» ha dichiarato Matcha Phorn-in, uno dei leader del movimento locale «se ci discrimina? Abbiamo bisogno che la comunità Lgbt sia integrata» continua ancora l’attivista, ricordando che non c’è bisogno di «una legge separata che crei cittadini di seconda classe». Le associazioni chiedono, anzi, il ritiro della proposta: «Se essa non venisse approvata» è la loro teoria «sarà più facile apportare modifiche al Codice Civile» per la piena equiparazione tra coppie dello stesso sesso e coppie sposate. Una reazione, che se vogliamo, ci è abbastanza familiare.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020

#Fottiamoilcoronavirus: la campagna di CondividiLove sul sesso e il Covid-19

"A solito, di sesso non si parla mai". E l'emergenza Covid-19 non fa eccezione. Per…

19 marzo 2020