Categorie: News

La storia a lieto fine di Kevin, rifugiato politico perché gay

Kevin ha trent’anni e vive in Val d’Aosta, dove si è rifugiato per scappare dalla Nigeria. Una storia di immigrazione come tante: la fuga dal proprio paese, la traversata nel deserto, il viaggio via mare sul gommone e, infine, l’Italia. Come tanti, ma con una differenza. Kevin è gay e nel posto da cui proviene questo può costare carissimo: come quindici anni di prigione, ad esempio, per il solo fatto di dichiararsi.

Arrivato in Italia, il ragazzo chiede asilo politico, ma la commissione per ottenere lo status di rifugiato non aveva creduto alla sua omosessualità, all’inizio. E allora è cominciato un lungo procedimento giudiziario, anche grazie al gruppo di volontari di Arcigay di Aosta, per ricostruire la sua vita, sia in Nigeria – dove aiutava altri ragazzi omosessuali, finiti in carcere – sia qui in Italia. Per portare prove fotografiche del suo attivismo, della sua vita da “gay” nel nostro paese. Tra le prove che hanno convinto la commissione, anche la sua partecipazione al pride di Milano con una foto con l’ex sindaco Giuliano Pisapia.

Alla fine, dopo tre anni dall’arrivo in Italia e dopo la battaglia in tribunale, a Torino, gli è stato riconosciuto lo status di rifugiato politico. La motivazione: nel suo paese ci sono persecuzioni rivolte alle persone omosessuali. La ragione per cui è stato negato, fino ad adesso, il riconoscimento della sua condizione sta nel fatto che c’è la convinzione che alcuni profughi ricorrano all’omosessualità come ultima spiaggia per cercare di poter ottenere l’asilo. In questo caso, tuttavia, la sua storia era vera. Una buona notizia, per Kevin, che potrà adesso dedicarsi alla sua vita e a contribuire – con il suo volontariato – a rendere migliore anche il paese che lo ha accolto.

 

(foto: Repubblica.it)

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020