Categorie: News

Ha lo smalto alle unghie e una borsa arcobaleno: nuova aggressione omofobica a Roma

Ennesima aggressione omofobica, questa volta a Roma, nel quartiere di Infernetto. A denunciare, una madre che si racconta sul sito di Tpi: «Mio figlio era al parco e stava festeggiando la fine della scuola con un gruppetto di amici. Si è avvicinato un grosso gruppo di coetanei di un’altra scuola che ha iniziato a provocarli. Loro non hanno risposto allora è partito il lancio delle uova, che ha colpito mio figlio lasciandogli anche un livido, lui era da solo con 4 ragazze». Le motivazioni del gesto non lasciano dubbi: omofobia.

La dinamica dell’aggressione omofobica

«Ma la cosa brutta» continua la donna «sono stati gli insulti a lui rivolti: Filippo ha i capelli lunghi, ama mettersi lo smalto colorato, usare l’eyeliner, è affascinato dal mondo Lgbt, ha una borsetta arcobaleno, ha il suo modo di esprimersi, gli piace scrivere, disegnare etc. Fino a ora non abbiamo avuto problemi, ma questa volta sono arrivati insulti pesantissimi. “Frocio di merda, gay schifoso, sei maschio o femmina”. A quel punto – poiché i ragazzi erano tanti – mio figlio forse si è sentito sopraffatto, si è allontanato e ha chiamato il padre per farsi venire a prendere».

Il branco contro le ragazze

Un’azione di branco, come la definisce la mamma di Filippo. Che si è rivolta anche contro le ragazze che erano al parco col ragazzo. «Le ragazze che erano con lui hanno provato a difenderlo ma sono state spinte a terra e coperte di insulti: “puttane, troie, quanto vuoi per un bocch**o”. La cosa è durata per un po’». La donna dichiara che, tornata a casa, ha inizialmente creduto che si trattasse di un banale lancio di uova: «Non sapevo degli insulti omofobi e sessisti. Sono tornata al parco e ho trovato un’amica di mio figlio che ancora piangeva perché era stata presa a calci. Ho trovato il gruppo di ragazzi e mi sono arrabbiata, ho detto loro che non potevano colpire così dei loro coetanei».

Azione a scuola

Le famiglie delle vittime hanno coinvolto le scuole frequentate dai bulli. Ci sarebbero gli estremi per una denuncia, ma non vogliono attuare misure punitive i genitori del ragazzo e delle ragazze aggredite. Chiedono, invece, interventi diretti proprio nelle aule scolastiche per evitare che questo tipo di fatti possa verificarsi ancora, nelle nostre strade e nei luoghi che dovrebbero essere sicuri. E invece, da troppo tempo a questa parte – di recente, a Torino, è stata aggredita una ragazza perché aveva una borsa arcobaleno – sono teatro delle peggiori violenze.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ddl Zan, movimento Lgbt+ unito: “Rispettare gli impegni e votare la legge”

Si surriscalda il clima in vista della ripresa dei lavori al Senato per il ddl…

26 Ottobre 2021

Le femministe italiane: “Mantenere l’identità di genere nel ddl Zan”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato firmato da diverse esponenti del femminismo italiano, in risposta al…

25 Ottobre 2021

Ddl Zan: il fronte contro l’identità di genere torna all’attacco

Ricomincia l'attacco al ddl Zan da quella parte del femminismo che si definisce "gender critical",…

25 Ottobre 2021

Letta manda Alessandro Zan in esplorazione sulla sua legge

"Chiederò in questi giorni ad Alessandro Zan di fare un’esplorazione con le altre forze politiche…

25 Ottobre 2021

Un museo della storia dell’omosessualit a Torino? La proposta della Fondazione Fuori!

Un museo della storia dell'omosessualità a Torino. E' la proposta che Angelo Pezzana e Maurizio…

24 Ottobre 2021

Torna l’Agender 2022, con un nuovo incredibile look

Per il nuovo anno vogliamo lanciare un messaggio di rinascita e di ritrovamento della parte…

24 Ottobre 2021