Categorie: Onda PrideRainbow

Scendiamo per le strade, sfondiamo i muri: ci vediamo al Bologna Pride!

Sabato scorso sono stato al Pride di Torino, ed è stato molto emozionante perché proprio a Torino, nel 2006, ho partecipato al mio primo Pride.
Avevo appena compiuto 24 anni, e da pochi mesi ero fidanzato con Sergio, allora Presidente nazionale Arcigay.
Iniziavo a fare i conti con una visibilità a tratti anche imposta (per via del ruolo di Sergio), e cominciavo a prendere sempre più consapevolezza di me e dell’importanza della lotta.

Chi ero e chi sono

Non ero più il ragazzino 13enne che piangeva nella sua stanza al buio di notte perché si sentiva diverso per il solo fatto di essere innamorato di altri ragazzi.
Non ero più l’adolescente 16enne che si domandava se avrebbe potuto un giorno essere padre ed essere felice.
Non ero nemmeno il 19enne che timidamente entrava al Kinky prima e al Cassero poi, né il 22enne che faceva un rocambolesco coming out con i propri genitori.
Ma non ero ancora quello di oggi: sposo di un uomo in Norvegia a 29 anni, e poi padre di due splendidi bambini a 32 e 34 anni, per anni a lottare e fare pace con una visibilità sempre più crescente e difficile da gestire.

Quello che ancora deve cambiare

Quello che mi sembra non sia cambiato davvero è ciò che mi circonda.
Il fatto che tuttora io come persona, e ancora di più la mia famiglia, non abbiamo i pieni diritti che ci spettano.
Non posso certo dire che la situazione sia la stessa di quel lontano 2006. Ma a tratti – visti tutti gli anni che sono trascorsi – mi sembra quasi che sia peggiorata invece che migliorare.
Abbiamo diritti che prima non avevamo, certo… ma la piena eguaglianza è una chimera, e sono tempi sempre più bui in cui l’odio, l’omofobia, il razzismo, la misoginia e l’avversione per il “diverso” o quello considerato “più debole” la fanno da padrone.

Non rassegniamoci: oggi al Bologna Pride

Io però a questi tempi grigi non mi rassegno. Non voglio smettere di lottare né per me né per un mondo migliore da lasciare a Luca e Alice.
Non smettiamo di riscrivere a colori le nostre vite!
Scendiamo in strada, sfondiamo i muri dell’ignoranza e dell’odio!
E sì… ci vediamo oggi pomeriggio al Bologna Pride, che ci sia il sole o che piova!

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020