Categorie: Onda Pride

Roma Pride: partigiane e partigiani nella campagna 2018

La liberazione continua, con gay, lesbiche, trans e bisessuali pront* a raccogliere l’eredità di partigiane e partigiane. Sarà questo il tema del Roma Pride del 9 giugno, una grande parata che celebrerà chi ha combattuto per liberare l’Italia, oppressa e occupata dai fascisti tedeschi.

LIBERAZIONE: COME NASCE LA CAMPAGNA

Non una mera celebrazione, ma un impegno nel portare avanti storia e memoria. Dopo una campagna elettorale definita da Amnesty International “intrida d’odio e xenofobia”, indirizzati non solo ai migranti, ma anche ai rom, alle persone Lgbt+, alle donne e ai poveri e in un “paese che tende a cancellare la memoria e a riscriverla a proprio piacimento”, il Coordinamento del Roma Pride ha ritenuto “doveroso” ricordare ragazzi e ragazze che hanno liberato l’Italia dal fascismo.

Un percorso politico iniziato da tempo dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli a fianco dell’ANPI di Roma e che ha visto le diverse realtà associative LGBTQIA+ sfilare in prima fila a Roma il 25 aprile.

“Ci sentiamo parte di quella lotta – dichiara Sebastiano Secci, presidente del Circolo Mario Mieli e portavoce del Roma Pride – e protagonisti della nostra battaglia, diversa ma idealmente affine, iniziata a Stonewall il 28 giugno del 1969 contro ogni forma di oppressione, prevaricazione, omologazione e normalizzazione delle nostre identità, dei nostri orientamenti affettivi e sessuali e delle nostre specificità, in una parola una lotta quotidiana contro ogni forma di fascismo.

I VOLTI

Tina è una ragazza di 93 anni, Modesto un giovane di 92, Susanna di anni ne ha 20, Thomas 18, Dante 19, Benny 43, Alex 39.

Sono tanti i volti che si sono prestati per la campagna del Roma Pride 2018 e tutti sorridono verso l’obiettivo di Fausto Podavini, fotografo romano premiato al World Press Photo, che ha accolto subito e con entusiasmo la proposta di scattare le immagini del Roma Pride 2018.

 

IL DOCUMENTO POLITICO

“Ancora oggi noi lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersessuali, asessuali (LGBTQIA+) celebriamo quella notte in tutto il mondo con la manifestazione di piazza più irriverente, disobbediente, chiassosa, disinibita, oscena, esagerata, scostumata, libertina, carnascialesca, eccessiva, blasfema, provocatoria ,esibizionista e colorata: il Pride”.

Si apre così il documento politico del Roma Pride 2018, ricordando i moti di Stonewall e perché c’è ancora bisogno di ricordarlo a distanza di quasi quarant’anni. Ma non solo: si chiede istruzione pubblica, laica e accessibile, gratuità della sanità per la prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili, che vengano dichiarate illegali le terapie riparative, una legge contro l’omo lesbo bitransfobia e il riconoscimento delle carriere alias per le persone trans all’interno del mondo dell’istruzione. E molto altro. Un documento ricco per “costruire una società diversa, più aperta e inclusiva”.

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020