Categorie: News

Con rete RE.A.DY, a Torino: in mostra i colori delle famiglie Lgbt

Come ogni anno, il 17 maggio ricorre la Giornata internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia Idahotb (International Day against homophobia, transphobia and biphobia). Per l’occasione, la rete RE.A.DY – che unisce i comuni, le province e altre istituzioni – ha organizzato una mostra fotografica digitale, intitolata Famiglie. Vediamo di cosa si tratta.

Una mostra che racconta le coppie e le famiglie lgbt

Il manifesto della mostra

«I partner della RE.A.DY» si legge nel comunicato stampa «hanno prodotto, ciascuno dal proprio territorio, una propria “cartolina” sul tema delle famiglie arcobaleno, risultato il più votato nell’Incontro Annuale dello scorso anno a Torino, Città che dal 2006 svolge il compito di Segreteria nazionale della rete». Un vero e proprio “intervallo” – la vecchia trasmissione che faceva da sacchetto tra un programma un altro, in Rai, e che proponeva le immagini dei luoghi più belli del nostro Paese – ma in chiave Lgbt.

I diversi colori delle famiglie italiane

È stato così organizzato «il catalogo digitale della mostra», che è «frutto dell’impegno istituzionale del Comune di Torre Pellice» partner della RE.A.DY e «risultato vincitore del sorteggio con il Comune di Reggio Emilia, anch’esso candidatosi per tale compito». Ventisette immagini – ventisette storie di vita – che «fotografano un Paese che inizia, finalmente, a declinare i tanti e differenti colori delle famiglie italiane». E proprio a Torino, la mostra sarà esposta oggi al grande pubblico.

La mostra a Torino e in giro per l’Italia

In data odierna, 11 maggio 2018, la mostra Famiglie sarà infatti visibile nel capoluogo piemontese a piazza Vittorio Veneto, esposta sotto i portici del lato nord della piazza – tra il Caffè Elena e l’incrocio con via Eusebio Bava – e potrà essere visitata fino al giorno successivo al pride torinese, il 17 giugno prossimo. Un omaggio della città a quelle persone che condividono un progetto di vita in comune e che creano “famiglia”. Che in una data come quella di oggi, in cui ricorre il secondo anniversario dell’approvazione delle unioni civili, ha un profondo valore simbolico. La mostra, poi, viaggerà in quelle città e in quelle realtà territoriali che hanno aderito alla rete RE.A.DY.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020