Categorie: News

Pride all’asilo, le famiglie si schierano con la coop di Casalecchio

Sembra concludersi verso un lieto fine l’assurda polemica che ha travolto la cooperativa Dolce, “rea” di aver dedicato il 6 luglio scorso un laboratorio di un centro estivo – previsto per bambini e bambine fino ai sei anni d’età – al Pride di Bologna. Fatto che però aveva scatenato vive polemiche tra alcuni genitori e che il Resto del Carlino aveva portato alla ribalta mediatica. Immancabile, la curia ha sentito il dovere di dire la sua. Genitori e responsabili della cooperativa si sono quindi incontrati per un chiarimento sulla vicenda.

L’incontro con i genitori

Il materiale del laboratorio contestato

Così come riporta il Corriere, nell’edizione bolognese, «la riunione è durata due ore ed erano presenti circa 15 famiglie. Alla fine la cooperativa Dolce ha incontrato i genitori dell’asilo nido della Meridiana di Casalecchio di Reno» dove si è tenuto il laboratorio della discordia. Il personale responsabile, quindi «ha illustrato ai genitori l’accaduto e, a quanto riferito da alcune mamme presenti alla riunione» e la cooperativa «si è scusata per l’errore comunicativo fatto, associando il tema della diversità alla manifestazione del Gay Pride». Sfuggono, tuttora, le ragioni per cui trattare il tema della diversità associandolo ad un pride debba essere motivo di scuse. Ma ci sono anche aspetti positivi in questa vicenda.

Il sostegno delle famiglie alle educatrici

«I genitori» si legge ancora, «tranne una famiglia che si è detta molto contrariata per l’accaduto, hanno però sostenuto le insegnanti, ieri tutte presenti all’incontro insieme alla pedagogista. Un gruppo di genitori sta inoltre raccogliendo le firme e pensa di mandare alla stampa, nei prossimi giorni, un intervento a favore delle educatrici per il lavoro svolto quotidianamente». Insomma, sembra essere una gigantesca bolla di sapone, forse messa in piedi per riempire pagine di giornali in un periodo in cui la bella stagione porta a un calo drammatico di notizie. Lo stesso sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso, parla di strumentalizzazione politica sulla pelle dei bambini.

Pietro Segata, presidente della coop Dolce

Un unico punto oscuro…

«Sono esclusi per ora provvedimenti disciplinari da parte della coop nei confronti delle maestre» si apprende ancora. Un dubbio resta, tuttavia: perché dovrebbero essere punite educatrici che dicono la verità agli adulti di domani? E la verità è che esistono, nella vita reale, persone dello stesso sesso che riescono a volersi bene. Esattamente come le madri e i padri, rigidamente eterosessuali, dei bambini che frequentano quel campo estivo. Per altro, ci si potrebbe anche interrogare sul fatto che tra quei bambini ci fossero anche figli di genitori omosessuali, invece di dar per scontato l’esatto opposto. Un’educazione che vuole essere seria, ha il dovere di includere tutti e tutte, insomma. Chissà che passata l’ondata di caldo e tornati gli animi definitivamente sereni, non si sciolgano anche questi arcani.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020