Categorie: NewsStorie

Paola Egonu abbatte un altro tabù e fa coming out: “La mia fidanzata mi ha consolata”

Una ragazza normale. Probabilmente se lo si chiedesse a Paola Egonu, la campionessa della nazionale italiana di volley e di Novara si descriverebbe così. Nella sua normalità di quasi ventenne, nata a Cittadella, in provincia di Padova, nel dicembre 1998, c’è il record di punti a un mondiale, 45. C’è l’essere stata la trascinatrice di una squadra che ha conquistato un argento mondiale su cui in pochi avrebbero scommesso, prima dell’inizio del torneo. Una conquista che per lei è stata più che altro una delusione, spiega al Corriere della Sera, perché “potevamo fare di più”. Una sconfitta dopo la quale ha fatto quel che è naturale fare quando si è delusi. Cercare conforto da chi si ama.

La fidanzata che la consola

“Ho chiamato la mia fidanzata. Piangevo e lei mi ha consolata. Mi ha detto che le sconfitte fanno male, ma sono lezioni che vanno imparate – ha detto -. E che avrei sofferto però poi sarei stata meglio”.
Il coming out della più forte pallavolista italiana arriva così, alla prima riga di un’intervista. Come un’altra delle sue poderose schiacciate, mette a terra un punto importante per le ragazze che si allenano sognando di somigliarle e per tutte le altre. Eppure, proprio come le sue schiacciate, per lei sembra la cosa più facile del mondo. A una giornalista forse presa in contropiede, che le fa notare la semplicità con cui lo dice, dà una risposta da incorniciare. “Infatti, lo trovo normale”.
E questa volta non c’è aggettivo migliore.

Ancora una donna a fare coming out

In un mondo, quello dello sport professionistico, in cui il coming out è ancora un tabù che in poche (gli esempi sono praticamente tutti al femminile, da Nicole Bonamino a Rachele Bruni) hanno avuto ancora la forza di abbattere, che a farlo sia un simbolo di un successo mondiale, protagonista di una eco anche mediatica che in queste settimane ha vissuto la giovane padovana è un dettaglio impossibile da trascurare.
Eppure, questa responsabilità Paola la porta con una leggerezza che si accompagna a una lucidità sorprendente. Sa che essere una donna, con la pelle nera e avere una fidanzata, fanno di lei il simbolo che molti cercano. Quella di un’Italia multietnica, dove i muri possono essere abbattuti con la forza del suo braccio.
Ma per Paola tutto è normale. L’Italia è innamorata di una campionessa padovana nera? “Mi stupisce questa reazione. Siamo italiane, per me avere origini diverse è normale”. Non per questo, nasconde quanto sia stato difficile: “Ho avuto alcuni episodi di razzismo. È normale, ma non dovrebbero succedere”. E del resto Paola lo sa, che sono proprio gli esempi a non farlo succedere. Perché la discriminazione, invece, naturale non lo è.

“Amo la mia pelle, amo il mio corpo, sono una regina”

Su Instragram ha citato Nelson Mandela, e sulle pagine del quotidiano di via Solferino chiarisce: “Un bambino non si accorge del colore che ha finché a scuola una maestra non gli dice che è nero o giallo”.
Ma adesso un bambino che sente una frase simile, potrà guardare a Paola, e magari ascoltare una canzone che piace anche a lei: “Queen”, in cui Jesse J canta “Stop feeling you’re not enough… I love my skin, I love my body, I’m a gooddes, I’m a queen”.

Un mondo di stereotipi

Sui social, usati ampiamente come tutti i suoi coetanei, Egonu dimostra determinazione, maturità e intelligenza. Parla di campo e di stereotipi, di bellezza: “Sono temi che riguardano un mondo pieno di stereotipi, che non ti insegna a vivere la sua vita”.
Lei, invece, a 19 anni sa già che la sua vita di campionessa, e di atleta votata al duro lavoro e all’impegno, di italiana di pelle nera e di donna innamorata di un’altra donna, vuole viverla appieno. Per diventare la più forte del mondo? “Vedremo”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Stepchild adoption per una coppia di mamme separate: è la prima volta

Entrambe mamme dei loro gemelli, anche se non sono mai state unite civilmente e, soprattutto,…

23 gennaio 2021

Multietnica, 12 donne su 25 e Lgbt-friendly: ecco la squadra di governo di Joe Biden

Un segretario gay, una ministra nativa americana e il 50% dei componenti sono non bianchi.

22 gennaio 2021

Rivoli, Torino: crociata “no gender” della Lega a scuola, ma docenti e famiglie protestano

Continua l'assurda crociata contro le persone Lgbt+ da parte del partito di Salvini. Succede a…

21 gennaio 2021

Tutele per le persone LGBT+, basta muri e ritorno nel’OMS: così Biden archivia Trump

Rientro nell'OMS, nell'accordo di Parigi sul cambiamento climatico, stop alla costruzione del muro con il…

21 gennaio 2021

Necrologio al maschile per Gianna, donna transgender. Taffo: “Offensivo, rifacciamo noi”

"Per impedire la damnatio memoriae di una persona transgender", dichiara Vladimir Luxuria.

20 gennaio 2021

Il diario di un uomo cisgender, alla scoperta della bellezza nelle differenze

Il libro fotografico di Avarino Caracò, alla ricerca dell'altr* da sé, per riscattare un passato…

20 gennaio 2021